Sabato 18 Maggio 2024

Faro Vieste, Bordo (PD): "Via quella passerella; il Ministero delle infrastrutture trovi una soluzione sostenibile". Interrogazione con Mongiello e Scalfarotto

0 0

Interrogazione dei deputati PD Michele Bordo, Colomba Mongiello e Ivan Scalfarotto.

“Il Ministero delle Infrastrutture deve rimuovere la passerella che deturpa l’isolotto di Sant’Eufemia e concertare con l’Amministrazione comunale e la cittadinanza una soluzione tecnica più sostenibile sotto il profilo ambientale, paesaggistico e sociale per garantire maggior sicurezza a chi opera nel faro”. Lo afferma l’on. Michele Bordo, deputato del PD e presidente della Commissione Politiche UE, primo firmatario dell’interrogazione ai ministri delle Infrastrutture e Ambiente, sottoscritta anche dai deputati del PD Colomba Mongiello e Ivan Scalfarotto, con cui si porta all’attenzione del Governo la contestata realizzazione di “un’opera eccessiva per dimensioni e troppo grande rispetto all’uso che se ne deve fare”.

I parlamentari foggiani fanno rilevare che l’infrastruttura, “pur avendo ottenuto i pareri e le autorizzazioni di legge previsti, è contestata dai cittadini viestani, che attraverso petizioni civiche hanno già raccolto centinaia di firme, a causa del suo evidente e negativo impatto paesaggistico, tanto da aver indotto l’Amministrazione comunale ad attivare un procedimento amministrativo di autotutela con la richiesta di sospensione dei lavori”.

“L’azione civica promossa dal locale Circolo del Partito Democratico – aggiunge Bordo – mira a preservare uno dei luoghi simbolici della bellezza e dell’integrità ambientale di Vieste, prima meta turistica balneare della Puglia.

Con l’interrogazione abbiamo chiesto che venga verificato il rispetto di tutte le prescrizioni relative all’esecuzione dei lavori – conclude il presidente della Commissione Politiche UE – ma l’obiettivo è praticare una soluzione alternativa, già individuata dai cittadini e dall’Amministrazione comunale, a salvaguardia di una porzione di territorio del Parco Nazionale del Gargano e di un pezzo pregiato del patrimonio dello Stato”.

Articolo presente in:
News · Politica

Commenti

  • Onorevole, e del Lungomare del Sole e di quei frangiflutti che hanno creato la nuova palude sipontina che deturpano la vista e disturbano l`olfatto a ridosso di in Porto turistico non ancora finito e costato million di euro…. non dici
    niente, perchè? E’ semplicemente assurdo quel posto ridotto cosi …! Anche la scogliera sta sparendo con il mare tutto sepolto da melma e rifiuti vari. Gli anziani dicono: “amm Piet I cunfett e l’amm miss mocc ai purc…! Per amministrare LA COSA PUBBLICA ci vuole classe perchè chi ha classe ha anche amore e rispetto per le bellezze del creato e fa di tutto per conservarle in modo che le future generazioni possano un giorno ringraziarli….
    (Scuate per il dialetto strampalato)

    antonio 29/01/2014 20:50 Rispondi
  • Si focalizzino anche le opere pubbliche di Manfredonia…. anzi no queste si conoscono molto bene…. forse sono nate prima dello stesso Onorevole… che a quanto pare non ne sa niente e non le vede quando sta a Manfredonia…. Alzati e cammina…

    semprevigile 28/01/2014 20:33 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com