Martedì 5 Marzo 2024

L&W e Usspi: mobilitiamoci contro il declassamento dell'Ospedale

0 0

Mercoledì, presso la sede dell’USPPI di Manfredonia si sono incontrate le delegazioni dell’Associazione Lavoro&Welfare di Capitanata, coordinamento di Manfredonia, composta da Giuseppe Quitadamo, Mario Lombardi e Silvio Cavicchia, l’USPPI Consumatori composta da Aldo Gatta e Dario Gatta, ed Antonio Basta USPPI Sanità per approfondire la questione dell’ingiusto ed immotivato declassamento dell’Ospedale di Manfredonia da parte della Regione Puglia, del conseguente rischio chiusura e delle iniziative da intraprendere a tutela della salute e dei servizi sanitari qualificati a favore della cittadinanza, nel breve, medio e lungo periodo.
Le parti hanno sottolineato il grande ruolo storico ed attuale dell’Ospedale di Manfredonia che si rivolge ad un bacino di utenza di circa 100.000 abitanti e alla necessità non solo che venga formalmente e giuridicamente ripristinato come Ospedale Intermedio ma che venga rafforzato e rivalorizzato nei servizi sanitari offerti alla luce delle nuove esigenze della popolazione, soprattutto quella più debole, e della necessaria integrazione socio-sanitaria.
L’Ospedale di Manfredonia è un bene comune, essenziale, come l’acqua e l’aria, è vitale per la salute, diritto costituzionalmente garantito; in particolare l’Ospedale di Manfredonia è un patrimonio che appartiene alla generazione passata, presente e futura, costruita con tanti sacrifici dai nostri nonni e genitori dal dopoguerra ad oggi e da lasciare ai nostri figli.
Lavoro&Welfare e USPPI ribadiscono che mai e poi mai potranno accettare il suo declassamento, la sua progressiva e conseguente dequalificazione e rischio chiusura e lotteranno con tutte le loro forze per scongiurare tale prospettiva negativa promuovendo apposite iniziative.
A tale proposito si esprime sentito ringraziamento nei confronti delle donne che da settimane in piazza stanno raccogliendo le firme dando informazione e sensibilizzando le coscienze e hanno reso possibile una ripresa dell’attenzione sulla questione dell’ospedale.
Pertanto si invitano tutti i cittadini e tutte le forze sociali, politiche, sindacali, l’associazionismo ed il volontariato a partecipare alla manifestazione cittadina, organizzata dall’USPPI Sanità e Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato, che inizierà con un corteo alle ore 17 di sabato 8 febbraio dall’Ospedale “San Camillo de Lellis”.
Le due delegazioni hanno concordato, inoltre, di ritrovarsi quanto prima, subito dopo la manifestazione, per un esame congiunto dei risultati ottenuti ed individuare ulteriori necessarie iniziative da intraprendere con tutte le forze e soggetti interessati al fine di tutelare la salute e la qualità di vita dei cittadini del nostro territorio.
In tale occasione ed in tale senso saranno approfondite altre tematiche e questioni quali la lotta del Coordinamento delle Associazioni contro l’invasione delle pale eoliche, la tutela ambientale e paesaggistica del territorio, la problematica situazione urbanistica della città ed il degrado inaccettabile delle periferie e dei comparti, il Piano Urbanistico Generale (PUG) ed il Piano per la valorizzazione del centro storico, nonché i temi inerenti lo sviluppo ed il lavoro del nostro territorio, questioni su cui si è constatato già un comune orientamento.

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *