Martedì 16 Aprile 2024

Se n’ji iogge,cré matîne

0 0

Vedì na facce allèrje de sti timbe ji pègge ca fé nu tèrne a lotte. Ca sîje l’àlepe o mèzzanotte, pe li stréte o ammizze a chiazze a gènde camîne chépa chîne e ne rîre manghe s’a tìdeche sotte i vrazze: jé pavûre. E cûme darle turte? Nge sté jurne ca n’assiste a šcattamurte, facce sturte, ca ce accidene cûme i purche, no pu pòpele, cûme vonne fé ndènne, ma pe aggiustarce i custe lôre o pègge angôre, pe defènne i ndèrèsse de chi l’ho misse là cûme e mazze de scôpe e ce fanne môve cûme e pupazze de pèzze sènz’àneme e sènza dîgnîtà, capéce de passé sôpe a chépe di mamme e i pétre pe parì quèdde ca ne nzo’ e méje sarranne: iùmene e fèmmene mbortande. So’ côse da farte squagghjé i carne da ngudde, ate ca rîre! Eppûre, propte pecchè i fatte so’ acchessì brôtte, e sarrîje giôste a chiange da la matîne a la sôre, sfurzàmece de farce na rîséte ogne tande, acchessì, cûme e cûre, cûme se fosse na medîcîne amére ca ce ‘ma gnotte pe ne murì de pucundrîje prîme ca i fatte càngene. E sì, i fatte anna cangé pe forze e ne nzò je ca u dîche, ji la storje. Nge ji stéte méje nîscîune ôme o règne, pe quanne granne ho putîte jèsse ca po’ nenn’ji fernûte de môsse nd’a mèrde. Nge stanne Criste, uà cangé. “Ne ve sacce addîce cûme e quanne – candéve Luigge Tènghe –ma nu bèlle jurne uà cangé”. U dîciôve Giacumîne timbe fé – Giacumîne iôve nu giòvene ca sunéve nd’a banne ca cûme e iôme iôve nu mostre, ma p’u cularîne iôve nu mastre, anze nu mastrône. Côste che faciôve?na sôre sì e n’ate pûre, iôve a chiamé a “Seppille u canarje”, ce ièvene a mètte faccefronde alla ville de Nannîne (Nannîne iôve na fîgghjôle bèlle cûme u sôle, ma pe colpe da famigghje stôve sèmbe sôla sôle) e i candavene a timbe de valzer:

“Nannina, mia cara Nannina,

n’addacquanne de chiande u giardine

se n’ji iogge, cré matine

nu fiurille uà pe forze spundé.

E nûje ‘ma jèsse pronde

appône jisse sponde

de cugghjirle

e nd’u côre stîparle,

ma se nûje chiangîme,

u fiôre n’u vedîme,

da là po’ passe a morte

e ce lu porte a chuché.”

“Se n’ji iogge, cré matîne” – dîciôve Giacumîne a Nannîne. “Se n’ji iogge, cré matîne” – ce ‘ma rîpassé pa mènde ogni mumènde nûje e v’assîcûre ca chi chè côse uà cangé. V’u dîce jûne ca ji néte u timbe a uèrre e ca penzéve de murì acchessì cûme iôve néte. Nvôce, po’ chi ce l’avôva dîce, so’ ’rrîvéte l’anne sessande e ce ho misse a poste a tutte quande. Pe quest’ji, putîte o ne mbutîte, faciteve na rîséte ogni tande. Mo’ vône Carnevéle, pècchè n’apprufîtté aspettanne ca i fîche ce ammatôrene?

Franco Pinto

Se non oggi, domani mattina: Vedere una faccia allegra di questi tempi è peggio che fare un terno al lotto. Che sia l’alba o mezzanotte, per le strade o in piazza, la gente cammina a testa china e non ride nemmeno se le si solleticano le ascelle: ha paura. E come darle torto? Non c’è giorno in cui non si assista a becchini, facce storte, che si ammazzano come maiali, non per il popolo come vogliono darci a intendere, ma per sistemare i loro didietro, o peggio ancora, per difendere gli interessi di chi li ha messi là come mazze di scopa, e si fanno manovrare come burattini senza anima e senza dignità, capaci di passare sulla testa delle loro madri e dei loro padri per sembrare quello che non sono e mai saranno: uomini e donne importanti. Sono cose da far liquefare la carne addosso, altro che ridere! Eppure, proprio perché le cose vanno così male, e sarebbe giusto piangere dalla mattina alla sera, sforziamoci di farci una risata ogni tanto, così, come una cura, come se fosse una medicina amara che dobbiamo ingoiare per non morire di malinconia prima che le cose cambino. E sì, le cose dovranno cambiare per forza e non sono io a dirlo, è la storia. Non c’è stato mai uomo o regno, per grande che fosse che non sia finito di faccia nella merda. Non ci sono santi, deve cambiare. “Non so dirti come e quando – cantava Luigi Tenco – ma un bel giorno cambierà”. Lo diceva anche Giacomino tempo fa. Giacomino era un ragazzo che suonava nella banda; come uomo era un mostro, ma con il clarinetto era un maestro, anzi un gran maestro. Cosa faceva? Una sera sì e l’altra pure, andava a chiamare “Giuseppe il canarino”, si andavano a mettere di fronte alla villa di Nannina (Nannina era una ragazza bella come il sole, ma per colpa della famiglia era sempre sola) e le cantavano a tempo di valzer: “Nannina, mia cara Nannina, / non annaffiare di pianto il giardino / se non è oggi, domani mattina / un fiorellino dovrà spuntare. / E noi dobbiamo essere pronti / appena spunta / a coglierlo / e conservarlo sul cuore, / ma se noi piangiamo, / non vediamo il fiore, / di là poi passa la morte / e se lo porta via”. “Se non è oggi, domani mattina” diceva Giacomino a Nannina. “Se non è oggi, domani mattina” – ce lo dobbiamo ripetere in mente ogni istante e vi assicuro che qualcosa cambierà. Ve lo dice uno che è nato in tempo di guerra e che pensava di morire così come era nato. Invece poi, chi l’avrebbe detto, sono arrivati gli anni sessanta e ci hanno messo tutti a posto. Per questo, che possiate o no, fatevi una risata ogni tanto. Tra poco è Carnevale, perché non approfittare aspettando che i fichi maturino?

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

 

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com