Sabato 2 Marzo 2024

Fai Cisl Pesca… in attesa che giunga il pagamento

0 0

“Nonostante   il  sollecito  delle Segreterie   Territoriali,   Provinciali,   Regionali,  e  Nazionali,  per la firma, lo scorso 3 luglio,   per  il  Verbale  di accordo  in  sede governativa per la cassa integrazione in deroga, anno 2013 e 2014, i pescatori  continuano ad attendere  alla  firma  del   Decreto  di  liquidità dei fondi. Esprimiamo tutto il nostro rammarico per la mancanza di queste risorse. A distanza di un anno ancora nessun pagamento; sono  pronti ad azioni di proteste  da  parte  dei  Pescatori  di  Manfredonia prima del fermo biologico”,   se  non  arriva  nessun  pagamento  sono  disposti tutti  ad  andare   a  lavorare  perché’  non  ci  sono  più’  soldi  nelle  famiglie per  fronteggiare  un  fermo  biologico  di  45  giorni,  quanto dicono in una nota  Alberto Gatta,   e  Michele  Manzi  referenti della Fai Cisl di  Manfredonia  e  Foggia relativamente all’intesa già raggiunta per lo sblocco del pagamento del fermo pesca 2013.

Come ricordato, l’accordo sottoscritto a Roma avrebbe dovuto comportare lo stanziamento da parte del Ministero del Lavoro di una somma pari a 30 milioni di euro previsti dalla legge di stabilità. Così da notizie dei sindacati della Fai Cisl, Flai Cgil, Uil Pesca, Uila Pesca, insieme alle federazioni. Dai conteggi presentati dall’Inps, al fine di coprire anche il fermo 2014, ulteriori risorse per almeno 16 milioni di euro dovrebbero essere stanziati con un prossimo provvedimento legislativo. Nell’ambito dell’accordo che riprende interamente quello sottoscritto lo scorso anno è stato richiamato “l’impegno del Ministero del Lavoro a consentire lo sviluppo del settore pesca nel quadro delle politiche del lavoro e della tutela dei lavoratori”. Ora l’attesa.

Segr. Alberto Gatta

Fai Cisl Pesca Manfredonia

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *