Domenica 3 Marzo 2024

Spazio pubblico al servizio del privato, in cambio di un piatto di minestra

0 0

Dei pannelli fotovoltaici “piantati” dalla Volta srl in area Eurospin e in un parcheggio dell’area industriale di Manfredonia abbiamo parlato abbondantemente. I temi sono stati e rimangono ancora l’inopportuna presenza di invadenti pannelli fotovoltaici in una zona abitata della città, concessi su suolo pubblico per pochi spiccioli. Un atto mal fatto dalla precedente giunta Campo, una forzatura amministrativa aiutata dalle leggere leggi nazionali sullo sviluppo delle fonti rinnovabili (leggi oggi più aspre). Un contratto pubblico di interesse esclusivamente privato gestito da un manipolo di “operatori della politica” a vantaggio di una società, la Volta srl, che ha investito in energia alternativa non curante dell’inquinamento urbano che stava arrecando. Un contratto sconveniente per la pubblica utilità, fortemente contestato dalla attuale Amministrazione Comunale che ha dichiarato di aver subito questa scelta a causa della mancata continuità amministrativa (PD era prima PD è adesso…) e per di più ha dovuto sopportare anche i costi legati ai ricorsi legali (sostenuti dalla cassa comune) per evitare la prosecuzione dell’iniziativa giudicata, troppo tardi, sconveniente sotto tutti i fronti. Un ricorso che in definitiva ha sancito la “regolarità” del contratto con il conclusivo invito a non proseguire il procedimento in giudizio per evitare ulteriori pesanti spese legali e giudiziarie che difficilmente avrebbero portato la ragione alla più assennata Amministrazione Comunale attuale. Poco conto si è dato all’opposizione fatta dal Dipartimento di Prevenzione della Asl di Foggia ma soprattutto all’inutilità di una tale mostruosa ed invadente opera per le casse della città. Le stime abbozzate nei nostri articoli del dicembre 2012 si aggiravano su 1.000,00 euro l’anno di “ricavo” per il Comune come royalty. Infatti, il contratto di concessione delle aree sovrastanti delle strade occupate, prevede una royalty, ovvero un canone, da parte della Volta srl, pari all’1% del fatturato della produzione di energia dell’impianto a beneficio del nostro Comune. Fummo molto ottimisti. Dal dicembre 2012 fino a febbraio 2014 la Volta srl ha fatturato € 61.550,91 concedendo al Comune di Manfredonia come canone la somma di € 615,50. Praticamente all’anno quei pannelli producono alle casse comunali poco più di 500 euro. L’ulteriore vergognoso scandalo è dato dal fatto che sul tratto di strada prospiciente i pannelli fotovoltaici in area industriale è tutto buio a danno del vicino Nicotel che subisce, tra le altre cose, il disservizio di strade buie, situazione non piacevole per gli ospiti della struttura ricettiva. Un impianto che sarebbe tornato utile in aree pubbliche destinate a parcheggio, per esempio. Non c’è stato buon senso né tra gli imprenditori e né tra quei politici che con troppa leggerezza gestiscono la nostra città. In pochi eravamo a protestare contro quell’opera che non avrebbe portato nessun tipo di beneficio alla città. Una città che non è capace di autotutelarsi e di ribellarsi e queste sono le conseguenze.

Raffaele di Sabato

I pannelli dell'Eurospin (2) - Copia

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *