Domenica 16 Giugno 2024

Dipinto Lidia Croce "Il sogno di Manfredi progettista" esposto al Centro Velico Gargano

0 0

“Il sogno di Manfredi progettista”, (100 x 200 cm), olio su tela di Lidia Croce, è nato come monocromo bozzetto per un monumento portuale al personaggio storico di re Manfredi (1232-1266), fondatore della città di Manfredonia. Senonché, da intrigante progetto si è trasformato in un ritratto a figura intera che celebra la brevità dell’avventura umana del figlio naturale di Federico II di Svevia. La forma pittorica rende comunque giustizia alla descrizione che ne ha fatto Dante Alighieri, “Biondo era e bello e di gentile aspetto” (Purg., III, 107).

Nel monumentale dipinto dalla pittrice e scultrice Lidia Croce, senese di adozione ma di origini canosine, è raffigurato tutto il sogno di Manfredi. Nell’ultimo re svevo di Sicilia era già presente la visione di Manfredonia come nuovo e importante porto del Mediterraneo. In quella che, per ora, è solo una tela dipinta, c’è tutta la sua vita di progetti – ed era già re -,  ma c’è anche l’accenno della sua fine prematura in battaglia. Quindi, sogni, vita e morte di Manfredi in una stessa opera.

Il colpo d’occhio afferra, da media distanza, la figura del re guerriero, mentre approssimandoci al dipinto possiamo mettere meglio a fuoco i particolari astratti che compongono la figura umana. L’inganno estetico messo in campo dall’autrice opera metamorfiche composizioni. La corona sul capo del re – da vicino – si rivela composta di piccole barche a vela. Simili a elementi musivi, le ingannevoli placche metalliche dell’armatura sono simulate anche sul torace (a destra di chi guarda), come uscenti dal cuore del re, altre barche e velieri. In mano regge un rotolo di pergamena della fondazione di Manfredonia e un plastico del porto odierno. Il piede sinistro poggia su un altro rotolo che rimanda, nella parte anteriore, a una flotta di bianche imbarcazioni, ormeggiate nel grande porto da lui progettato. Dietro la campeggiante figura, emergono i cavalli dell’ultima battaglia terrena combattuta dal re, quella di Benevento contro Carlo I d’Angiò, nella quale egli si gettò da solo nel combattimento, e cadde.

L’arte pittorica si nutre qui di forme geometriche piane euclidee, mentre vorrebbe acquistare il rilievo dei piani volumetrici propri della scultura che potrebbe derivarne per venire giustamente collocata nel porto sognato dal fondatore di Manfredonia.

Il mirabile dipinto è in esposizione al Centro Velico Gargano, Molo di Ponente Cala dello Spuntone, Manfredonia, aprile – settembre 2015.

Altre opere di Lidia Croce sono visionabili sul sito: www.lidiacroce.com.

Maria M. Maggiano

 

 

 

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com