Giovedì 23 Maggio 2024

I fittiani sipontini con Romani: "Manfredonia laboratorio di un nuovo centrodestra. Lello Castriotta non è roba nostra"

0 0

I fittiani di Manfredonia sono con Cristiano Romani, il candidato sindaco del centrodestra alle amministrative del 31 maggio, proveniente da Forza Italia. Questo è stato ribadito con forza alla presentazione della lista “Oltre con Fitto” per le comunali, alla presenza della coordinatrice provinciale Mariolina Santovito, del coordinatore cittadino e capolista alle amministrative Angelo Caterino, del candidato consigliere alla regione Lucio Ventura, e per l’appunto di Cristiano Romani.

Il soggetto politico espressione diretta dell’europarlamentare di Maglie, dopo l’esperienza decennale de “la Puglia prima di tutto”, ha concluso in extremis la composizione (18 i componenti), ed è una delle 5 liste a sostegno dell’avvocato (le altre sono ‘Noi con Salvini, Forza Italia, Fratelli d’Italia e la civica ‘Manfredonia al Centro). Le diatribe e le divisioni tra Forza Italia e Fitto, culminate nella doppia candidatura del centrodestra (Schittulli-Poli Bortone) alla Regione, a Manfredonia invece non hanno attecchito.

Il centrodestra “tradizionale” si presenta unito, come sottolineato dalla Santovito: “Raffaele Fitto ha provato fino all’ultimo a cercare l’unità, e lo ha fatto all’interno di Forza Italia ricevendo solo rifiuti. Quello che facciamo a Manfredonia sembra in antitesi con la scelta di Fitto, ma con Cristiano abbiamo avviato un nostro percorso di condivisione politico-elettorale su Manfredonia e la nostra scelta è ricaduta su di lui per le indubbie qualità umane e sociali. Una personalità opposta a quella del podestà che governa qui da 20 anni. Bisogna arrivare al ballottaggio – ha aggiunto – perchè in quel caso sarebbe fatta. Riccardi – rivolgendosi agli intervenuti – vi ride in faccia quando si parla del secondo turno; un atteggiamento irrispettoso che vi dovrebbe far pensare”.

Netta e chiara la presa di posizione sulle regionali, con il sostegno a Ventura: “Fitto a Manfredonia è Lucio Ventura, Lello Castriotta non è roba nostra. In questa sala ha vissuto ma poi non sentendosi più una prima donna ha cercato casa nel Nuovo Centrodestra, per poi tornare nuovamente qui dopo essere stato scaricato, elemosinando candidature. Il tutto mentre alle comunali dava il proprio sostegno a Giovanni Caratù. Ci hanno corteggiati in tanti, Magno e Caratù stesso, ma siamo stati fedeli e coerenti a quella che è la nostra ideale dimensione, ovvero quella del centrodestra – ha concluso.

Cristiano Romani ha ricordato quello che è stato “il matrimonio veloce senza fidanzamento” con i fittiani sipontini e ha parlato della sua candidatura: “Ricordo quando in questa segreteria cittadina tentammo la strada delle primarie per scegliere il candidato sindaco del centrodestra alle comunali del 2010. Non si vollero e si impose il nome di Pecorella – l’esordio. Abbiamo visto come è andata e adesso con chi sta, o meglio, con chi è sempre stato. Siamo il laboratorio di un nuovo centrodestra, unico esempio di unità a livello nazionale, con la possibilità di ulteriori sviluppi per un progetto ancora più ampio, quello di un vero centrodestra senza più traditori e voltagabbana – ha poi aggiunto.

Le dispute politiche a livello nazionale non hanno nessuna influenza sulle politiche locali; il riferimento della consultazione elettorale riguarda il Comune, ovvero l’amministrazione della città che richiede  criteri di governo che esulano da schemi strettamente politici. Con questa lista ho ottimi rapporti che vanno oltre i conflitti di FI e per questo l’adesione alla mia candidatura è scaturita da altri ragionamenti” – l’analisi sull’accordo con ‘Oltre con Fitto’.

Romani torna anche lui su Lello Castriotta: “Ad un giornalista ha risposto che il suo appoggio va a Caratù. Tengo a precisare che nessuno ha mai chiesto il sostegno a Castriotta, che dice di fare sul serio ma si è dimostrato di essere una persona che fa tutto il contrario”.

La chiusura è sul programma, “snello con punti cardine come legalità, trasparenza e meritocrazia. Vogliamo vincere, senza aspettare il ballottaggio” – il saluto di Romani.

Nella foto anteprima da sx Romani, Santovito, Caterino, Ventura.

Graziano Sciannandrone

Articolo presente in:
News
  • vai castriotta…. nn ti vuole nessuno….. che figuraccia…. neanche i forbicioni…

    gigi 15/05/2015 13:42 Rispondi
  • il vecchietto dove lo metto dove lo metto non si sa

    Nanà 15/05/2015 11:50 Rispondi
  • Fammi fare due risate va!!

    Fedele 14/05/2015 21:34 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com