Sabato 2 Marzo 2024

Dau diarje du Chiamatôre

0 0

Cumbagne améte

pecchè ve sfîlaméte?!

Ngi stéte méje parôle

ca ho putîte stuté lu sôle

cûme ’nge starrà piaciôre

ca po’ sazzje chió stu côre.

Tótte pe mè ji fînîte

u iurne ca ci n’ji iûte.

De tutt’a vîta môje

vedîte che ji rumése:

sûle a la putôje

chiù sûle angôre a chése,

sûle e sènza péce,

sènza chió côste ji nu béce,

na méne sôp’a fronde,

dûje vrazze sèmbe pronde

a strènge sôpe u côre

prisce e dîspiaciôre.

Oh, sorta, sorte, pecchè

stu dîspitte? Pecchè

ca m’ha luéte

quèdde ca tó stèsse m’ha déte?

T’u giûre ca n’è capîte.

Vûje penzéte ca ji morte?

U jurne ca ji partîte

n’è viste fiûre spirte

nè panne ’nanze a porte.

Franco Pinto

 

Dal diario del Chiamatore: Compagni amati / perché vi sgolate?! / Non c’è stata mai parola / che ha potuto spegnere il sole / come non ci sarà mai piacere / che possa saziare ormai questo cuore. / Tutto per me è finito / il giorno che è andata via. / Di tutta la mia vita / guardate cosa è rimasto: / solo in bottega / ancora più solo a casa / solo e senza pace, / senza più un bacio, / una mano sulla fronte, / due braccia sempre pronte, / a stringere al cuore / gioie e dispiaceri. / Oh, fato, fato, perché / questo dispetto? Perché / mi hai tolto / quello che tu stesso mi hai dato? / Ti giuro che non ho capito. / Pensate sia morta? / Il giorno che è partita / non ho visto fiori in giro / ne drappi alla porta.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

 

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *