Domenica 21 Aprile 2024

Pe sèmbe

0 0

“Pe sèmbe.

L’amôre mîje pe tè

sarrà pe sèmbe”

– m’ho ditte

pusanne, leggiôre

cûme a palummèlle

au fiôre

e frešche

cûme a bavètte

d’ajôste a l’alepe,

a vocca sôva bèlle

sôpe a môje

na notte

de chiére

de lûne

ngann’a mére.

Pe sèmbe… a mè?

A mè

ca šchitte au penzire

ca èsîstôve

ma faciôve batte

forte forte u côre?!

A mè

ca sarrîje stéte

già na grossa fertûne

se l’avrîje ngundréte,

sîja pûre de scangîne

nu jurne pe stréte?!

Ne me parôve luôre?

Forse iôve šchitte nu sunne!

Timîde, ngandéte,

la cundembléve,

po’, mbriéche de prisce

me so’ abbandunéte

iàneme e curpe

ndì grazzje sôve

sènza abbendé

méje nu mumènde.

U jurne iôve jurne

e a notte iôve notte

nzise a quanne

l’ucchje, stracque,

ce so’ arrennûte,

me so’ addurmîte.

Na volte rîspegghjéte

me so’ truéte da sûle.

U timbe de raccapezzarme

e me so’ misse ngamîne.

E’ fatte mîgghjère de stréte,

è tuzzeléte a mîliûne

de porte

chiamanne forte forte

u nôme sûve au vinde.

Ninde.

Dîspréte,

assettéte sôpe i scugghje

è ddumannéte

de jèsse au mére

c’acchessì m’ho rîspuste:

“Chi t’ho vulîte

e te vôle bône angôre,

nen ce n’ji jûte,

nen t’ho tradîte.

Se nen te rîsponne

ji pecchè

la cirche e la chiéme

nd’i poste

sbagliéte.

No pe mére ada ji

nè pe monde

pe truarle

jèsse ji chiù vucîne

de quande tó pinze.

Apprufîttanne

ca te jive addurmîte

c’ji lîberéte du curpe

ca pu timbe

ce sarrije uastéte

e ji trasûte nd’u tûve

pe jèsse

tó e jèsse

na côsa sôle

pe sèmbe.

Franco Pinto

Per sempre: “Per sempre. / L’amore mio per te / sarà per sempre” / – mi ha detto, / posando, leggera / come la farfalla / sul fiore / e fresca / come l’arietta / d’agosto all’alba / la sua bella bocca / sulla mia / una notte / di chiaro / di luna / in riva al mare. / Per sempre… a me?! / A me / che solo il pensiero / della sua esistenza / mi faceva battere / forte forte il cuore?! / A me / che consideravo / già una grande fortuna / poterla incontrare / sia pure di sfuggita / un giorno per strada?! / Non mi pareva vero! / Forse era solo un sogno? / Timido, imbambolato, / la contemplavo, / poi ubriaco di gioia / mi sono abbandonato / anima e corpo / nelle sue grazie / senza staccarmi un attimo. / Il giorno era giorno / la notte era notte / fin quando / gli occhi, stanchi, / si sono arresi, mi sono addormentato. / Una volta sveglio / mi sono ritrovato solo. / Il tempo di riprendermi / e mi sono messo in moto. / Ho percorso migliaia di strade / ho bussato a milioni / di porte / chiamando forte forte / il suo nome al vento. / Niente. / Disperato, seduto sugli scogli, / ho domandato / di lei al mare / Che mi ha risposto così: / “Chi ti ha voluto / e ti vuole ancora bene, / non è andata via, / non ti ha tradito. / Se non ti risponde / è perché / la cerchi e la chiami / nei posti / sbagliati. / Non per mare devi andare / né per monti / per trovarla / lei è più vicina / di quanto tu pensi. Approfittando / del tuo sonno / si è liberata del corpo / che con il tempo / si sarebbe rovinato / ed è entrata nel tuo / per essere / tu e lei / una cosa sola / per sempre.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com