Giovedì 18 Luglio 2019
Posta La Via - Calderoso (728x90 Super Banner)

Firmato l’accordo in Regione per ridurre le sanzioni al comparto della pesca

9 3

Il 6 febbraio è stato firmato l’accordo tra l’assessore regionale Leonardo Di Gioia e i Sindaci delle Città marinare di Molfetta, Manfredonia, Margherita di Savoia, Mola di Bari, Monopoli, Gallipoli, Bisceglie e Barletta. Il documento d’intesa è indirizzato al Ministro dell’agricoltura, pesca e turismo On. Gianmarco Centinaio. In rappresentanza del nostro territorio, l’avv. Innocenza Starace, assessora alle “Attività produttive” che sta seguendo le problematiche del comparto della pesca di Manfredonia. L’accordo recita che:

Considerata la lunga mobilitazione dei pescatori delle proprie marinerie che da oltre dieci giorni non esercitano l’attività di pesca al fine di sensibilizzare il Governo alla modifica del quadro sanzionatorio della legge 154/2016, oggettivamente la quale viola evidentemente il principio di proporzionalità costituzionale tra violazione e sanzione;

Considerato che il Parlamento e specificatamente nell’attività della Commissione Agricoltura e pesca della Camera dei Deputati sta procedendo all’iter parlamentare di modifica di tale quadro sanzionatorio in senso di consistente diminuzione delle sanzioni ora previste;

Considerato che la tensione sociale nelle Città sopra elencate è notevolmente aumentata in considerazione di tale astensione, in relazione al mancato reddito di tali lavoratori, all’assenza di pescato fresco dai relativi mercati con influenza sulla ristorazione e sull’economia locale. Temendo ripercussioni in termine di ordine pubblico e al fine di mantenere un livello almeno potenziale di sicurezza nelle proprie città, sollecitano gli Organi dello Stato preposti ad adottare ogni e qualsiasi provvedimento di natura ordinaria e di urgenza, atto a risolvere nell’immediatezza gli effetti deleteri per la Marineria derivanti dall’applicazione del Regolamento Comunitario e della Legge n. 154 del 2016, al fine di evitare e prevenire le forti tensioni sociali e di ordine pubblico che il protrarsi dell’astensione dalle attività di pesca è potenziale elemento attivo di turbativa sociale. Inoltre, si chiede che la modifica della Legge sia esaminata con assoluta urgenza.

I rappresentati del comparto di Manfredonia hanno manifestato il loro consenso all’intensa con l’auspicio che le richieste arrivino a Bruxelles e si possano adeguare le norme comunitarie alle caratteristiche del pescato del nostro mare che differisce tanto per qualità e stazza rispetto a quello pescato nei territori transoceanici.

Per quanto riguardo le altre problematiche attinenti il comparto di Manfredonia tra cui il  mancato ritiro dei permessi per la pesca del “rossetto”, il comandante della Capitaneria di Porto di Manfredonia, Del Casale, invita a discuterne con i rappresentanti delle Soc. Coop. dell’OP, Operatori della Pesca, durante l’incontro che si terrà il giorno 8 febbraio alle ore 11:00.

Grazia Amoruso

 

Redazione R.
Articolo presente in:
Comunicati · ManfredoniaNewsTV · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php