Giovedì 22 Agosto 2019
Posta La Via - Calderoso (728x90 Super Banner)

Conclusa la Mostra dEll’Archeoclub di Siponto: “Archeo Medicina le piante Medicinali della Daunia tra storia e tradizione”

2 0

La Mostra  è stata caratterizzata  nella presentazione in Erbario di esemplari di piante, con proprietà medicinali, del territorio Daunio, la maggior parte utilizzate per usi curativi  più disparati  dalle popolazioni.

L’Erbario Archeoclub Siponto è il risultato, sempre in essere, di un lungo lavoro di identificazioni botaniche e di interviste fatte nelle masserie  e anche a persone anziane che hanno conservato i ricordi  legati alle varie malattie che venivano curate sia dai loro genitori che dai loro nonni. Abbiamo scoperto cose straordinarie..

Ogni esemplare esposto è corredato da una scheda informativa sulla pianta stessa, sui suoi principi attivi, sulle caratteristiche botaniche, sul riconoscimento, sugli usi terapeutici antichi e moderni, ecc.

Oltre a questo,  si è data l’opportunità  della consultazione di testi di erboristeria e Medicina Popolare, Storia della Medicina e delle Piante medicinali dall’Antico Egitto fino ai giorni nostri.

Vi era all’interno della Mostra la  presentazione di prodotti estratti dalle piante, come cosmetici naturali,  oli cosmetici, lozioni, profumi, liquori, aceti aromatici, mosti cotti non solo d’uva, ecc. che potrebbero essere di spunto per produzioni tipiche da piante autoctone (Carrubo, Fico d’India, fichi, calendula, ecc.)

I visitatori hanno avuto la gioia di addentrasi nel “Giardino dei Semplici” con osservazioni di parti delle piante (foglie, fiori, ecc.) attraverso uno stereoscopio per  introdursi  nel meraviglioso mondo nascosto dei fiori di campo e non solo.. Vi è anche  una sezione informativa sulla Storia delle Piante Medicinali, sulla realizzazione  di un Erbario, sulle metodiche di estrazione dei principi attivi (infusione, macerazione, distillazione, estrazione ecc.).

Molto successo ha avuto l’esposizione delle ceramiche Daunie sapientemente riprodotte dall’artista estrosa della Daunia: Angela Quitadamo: vasi filtro di epoca daunia, olle, attingitoi, distillatori arcaici, ecc.

La Mostra   si è tenuta  nei locali adiacenti la Parrocchia di Santa Maria Regina di Siponto  nei giorni  1-2-3 -4 Agosto dalle 17.00 alle 21.00.

Ai visitatori della mostra è stata  data la possibilità di visitare gli  Ipogei Paleocristriani di Santa Maria Regina a fianco della sede della Mostra e  gli ipogei Scoppa e la Necropoli nella pineta di Siponto.

Una menzione particolare va data al “Centro di Igiene  mentale “Alda Merini”e  “Psykè”, associata all’Archeoclub di Siponto che è parte attiva in tutte le attività pratiche di  manutenzione degli ipogei, e che ha esposto all’interno della mostra dei suoi prodotti  realizzati insieme all’Archeoclub:   marmellate, aceti aromatici, mosti concentrati ,  ecc.prodotti vgetali, marasciuoli, cime di rape, salicornie, ecc. coltivate nel loro “Orto di Epicuro”.

Molti i visitatori: nei quattro giorni di apertura, limitatamente nelle ore pomeridiane, dalle 17.00 alle 21.00 i visitatori  sono stati circa trecento: abbiamo riscontrato sul registro dei visitatori, provenienze varie, oltre quelldi Manfredonia: Bologna, Roma, Foggia, SGR, Pistoia Trani, Massafra, Oria, FermoSan Ferdinando di Puglia ecc.

Siamo stati onorati dalla visita del Coordinatore Regionale dell’Archeoclub Dott. Barsanofio Chiedi, da una vasta rappresentanza della Sede Archeoclub di Trani, con la Dott.ssa A.M.Minutilli e il Presidente dell’Arheoclub di Massafra,  Dott. Giulio Mastrangelo che ringraziamo e rinvitiamo a Siponto. Un grazie anche ai soci delle rispettive Sedi.

Infine, proprio il giorno della chiusura, abbiamo avuto anche il piacere  delle visite di  tre studiose Archeologhe: La Dott.ssa Dina Notarangelo anche lei studiosa della Daunia, la Dott.ssa Laura Maria Leone  paleontologa e studiosa, in particolare delle Stele Daunie, con nuove teorie sui Dauni alla luce degli esami dei graffiti,  una studiosa francese, la simpatica Sigra. Michelle.

Il messaggio che Archeoclub Siponto ha voluto (e vuole)  dare, soprattutto ai giovani, è quello di rendersi conto che nella loro terra ci sono tutte le condizioni per poter intraprendere delle valide attività economiche di produzione, culturali  che la Natura e  le Generazioni passate hanno sapientemente tramesso.

Il ringraziamento per questo successo va soprattutto alla collaborazione dei Soci  di Siponto, in particolare di Beatrice e Franca Mastropietro, di Pietro Rella, con i suoi sue figli e nipoti, soci Junior, al sempre bravo e disponibile socio studente Gabriele La Marca e a Bruno Potenza che hanno curato l’accoglienza al Museo Etnografico Melillo. E ad Angela Cainazzo.

Ovviamente una menzione particolare va alla grande Angela Quitadamo.

Grazie soprattutto a Padre Luis, parroco della Parrocchia di Siponto, sempre sensibile agli eventi culturali,  che ci ha concesso le due stanze dell’oratorio per l’organizzazione della Mostra.

Ci sono state fatte delle richieste per rendere questa mostra itinerante: da Vieste, Trani, Monte S.Angelo, Ruvo di Puglia, ecc.  Ci penseremo.

Per  contatti: caroleoaldo@gmail.com

Tel. 338 44 85 344

 

 

 

 

 

Redazione G.
Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenti

  • Penso nei primi anni ’90, fu pubblicato un bel libro del defunto Prof.Gentile, di Manfredonia, che ha fatto praticamente un vasto e articolato censimento della flora garganica e sipontina, spontanea e non. Purtroppo, all’epoca, non c’erano premi e non c’era l’Auditorium Serricchio e non ricordo neanche il nome di battesimo del bravissimo e simpaticissimo Prof. Gentile. Matteo se lo ricorderà sicuramente!

    Avatar ilproletario 14 Agosto 2019 alle 19:45 Rispondi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php