Mercoledì 22 Maggio 2024

A Nòtte de Natèle

10 0

Ji a notte de Natèle,
currùte uagnùne
ca ‘inta na grotte
ji nete Gesù Bambine!
Sòpe a pagghie,
jinte na mangiatore
dòrme cunténde!
Mentre ù vove e l’asinille
lù scalefene cù fiete
a Madònne e San Geséppe
li stànne vicine biéte.
Da lùndene ce véte
na stelle tanta lucènte
c’accùmpagne i Re Magge
e i Pastùre
a la Grotte de Bethlémme.
Tutte quìdde ca l’hanne sapùte
sò jiùte a salutè
u Figgjie de Marije.
Coddu jiurne pùre i uagnùne
sò cunténde,
pecché i mamme
fanne i péttle, i cartelléte,
i nanarille e i cavezungille .
Ma a n’ angogne de mùre
sté nu uagnòne
ca n’ tene né mamme
né pètre.
Chiange…, uarde n’cile,
e tra nu segghiùzze e l’àte dice:
“E jì che mèle e fatte,
ca n’sò felìce?”

voce di Gigi Giuffrida


La Notte di Natale
E’ la notte di Natale,
correte bambini
che in una grotta
è nato Gesù Bambino!
Sulla paglia,
in una mangiatoia
dorme contento!
Mentre il bue e l’asinello
lo riscaldano con il fiato
la Madonna e San Giuseppe
Gli stanno vicini beati.
Da lontano si vede
una stella tanto lucente
che accompagna i Re Magi
e i Pastori
alla Grotta di Bethlemme.
Tutti coloro che l’hanno saputo
sono andati a salutare
il Figlio di Maria.
Quel giorno pure i bambini
sono contenti,
perché le mamme
fanno le pettole, le cartellate,
i nanarelli e i calzoncelli.
Ma ad un angolo di strada
sta un bambino
che non ha né mamma
né papà.
Piange…, guarda in cielo,
e tra un singhiozzo e l’altro dice:
“Ed io che male ho fatto,
che non sono felice?”

Matteo di Sabato

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com