Martedì 18 Giugno 2024

Energas, Il Fatto Quotidiano scrive di ok alla costruzione del deposito, le associazioni: “Titolo fuorviante, nessun cambiamento”

37 0

Spett. Il Fatto Quotidiano Le associazioni CAONS, VERDI DI MANFREDONIA, LIPU, MANFREDONIA NUOVA, MANFREDONIA IN MOVIMENTO, MAGLIETTE BIANCHE, ECOSISTEMA GARGANO, TERRITORIO ZERO, MOVIMENTO VERDE, COLLETTIVO IN-APNEA, SPAZIO POPOLARE AUTOGESTITO “NICOLA LOVECCHIO”, FRIDAYS FOR FUTURE MANFREDONIA, RIFONDAZIONE COMUNISTA, GIOVANI COMUNISTI in ordine al vostro articolo ” Foggia, il Tar respinge il ricorso degli ambientalisti e dà l’ok alla costruzione del deposito di Gpl più grande d’Europa” precisano quanto segue.

Il titolo è fuorviante in quanto il procedimento autorizzativo dell’impianto ENERGAS (deposito di GPL più grande d’Europa, a rischio di incidente rilevante), è dal 2015 innanzi al MISE. Se non vi saranno pareri contrari provenienti dai Ministeri interessati (Ambiente, Beni culturali e Difesa) e con l’accordo della Regione Puglia, il MISE autorizzerebbe direttamente il progetto. Per evitare questa situazione, contro il parere favorevole del Ministero per l’ambiente era stato proposto un ricorso al TAR dal Comune di Manfredonia e da associazioni ambientaliste.

Questo è il ricorso rigettato nei giorni scorsi, quindi, di fatto, non cambia nulla rispetto alla situazione precedente. Ovviamente le associazioni e probabilmente anche il Comune ricorreranno al Consiglio di Stato. Inoltre all’ultima conferenza di servizi del 5 dicembre 2018 il Ministero per i Beni Culturali ha revocato il precedente parere favorevole, venendo incontro alle nostre sollecitazioni.

Contro questo parere negativo ENERGAS ha proposto un ricorso al TAR che è in fase di decisione. Anche su questo aspettiamo l’esito. In caso fosse rigettato si proporrebbe appello. Infine rimane comunque l’ultima opzione per portare il procedimento davanti al consiglio dei ministri: la mancata Intesa della Regione Puglia. Il governatore Emiliano ha preannunciato più volte che si sarebbe adeguato al parere espresso dai cittadini di Manfredonia con il referendum consultivo, però, ad oggi, non ha ancora scritto la relativa delibera. È un atto che sarebbe importante venisse scritto nelle prossime settimane per due ragioni: la prima per bloccare ogni possibilità di autorizzazione diretta del MISE e la seconda per decidere prima delle primarie del centrosinistra e delle elezioni regionali, l’affidabilità dell’attuale governatore. È per questo che le associazioni, spinte anche dalle parole del vescovo Padre Franco Moscone, chiedono una delibera regionale che esprima la mancata intesa PRIMA DELLE PRIMARIE del 12 gennaio, così il passaggio in consiglio dei ministri sarebbe assicurato e anche i politici nazionali, che hanno affermato la loro opposizione a parole, potranno dimostrare la loro coerenza.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/12/29/foggia-il-tar-respinge-il-ricorso-degli-ambientalisti-e-da-lok-alla-costruzione-del-deposito-di-gpl-piu-grande-deuropa/5641742/?fbclid=IwAR1YdK_3RQDpelGefdeson94tRan6flG3olUxuDorP9V_XaUMRpp7W9-43U

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenti

  • Antico detto siciliano:la legge è uguale pi tutti,ma chi tene i piccioli se ne futti.DIFENDIAMOCI.

    Mario 30/12/2019 17:03 Rispondi
  • Troppe chiacchiere,antico detto siciliano:la legge è uguale per tutti,ma chi tene i piccioli se ne futti.DIFENDIAMOCI.

    bunettimario45@gmail.com 30/12/2019 17:01 Rispondi
  • Anno 2020, anno della trasparenza dei comportamenti di quanti a parole si sono pronunciati in merito. Quando sarà detta la parola fine alla NON REALIZZAZIONE le campane del campanile suoneranno a festa…. speriamo quanto prima.

    cittadino 30/12/2019 14:00 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com