Martedì 5 Marzo 2024

Le giostre ad Agosto nel parcheggio Cesarano di Manfredonia, le due versioni

4 3

Il momento non è facile per nessuno, non lo è nemmeno per i giostrai dei Luna Park di cui parleremo e non lo è per chi deve rilasciare le autorizzazioni nel rispetto delle norme, al di là dei disagi Covid. A maggio, subito dopo il lockdown, i giostrai diretti dal Sig. Alberini, che frequentano la nostra città nel periodo della festa patronale, inviarono al Comune di Manfredonia, richiesta di istallazione del luna park  nel parcheggio Cesarano sul Lungomare del Sole Siponto-Manfredonia. Immaginate quante feste patronali sono saltate e com’è stato ridimensionato il lavoro ed il piano di ammortamenti del settore dei giostrai. Occorre quindi ricorrere ai ripari, cercare qualche piazza interessante ed appetibile dove poter far girare le giostre nel periodo estivo. Manfredonia è una delle piazze più fruttuose della provincia. La risposta alla richiesta di maggio di installare le giostre a Manfredonia tarda ad arrivare ai giostrai e nei giorni scorsi gli stessi incalzano gli uffici comunali cercando di concretizzare una risposta che non arrivava e non arriverà fino al 17 luglio, solo dopo il montaggio. Effettuati i sopralluoghi sul suolo scelto, il parcheggio Cesarano, nei pressi del porto turistico di Manfredonia, con relativa disponibilità di allaccio alla corrente, un’ipotesi di ok verbale da parte di alcuni uffici comunali, che però non formalizzano nessun ok per iscritto e quindi la decisione da parte delle giostre di Alberini di montare lo scorso venerdì 17 luglio. Immediato l’intervento da parte della polizia municipale che intima i giostrai di smontare tutto ciò che è stato già montato: cinque giostre grandi e quattro per bambini.

Il dirigente del Comune di Manfredonia, interpellato dalla nostra testata per avere riscontro delle notizie diffuse da altre testate, dichiara ai nostri microfoni: “Nessun altro giornalista mi ha contattato o ha cercato di comunicare con gli uffici comunali per comprendere le ragioni legate alla questione giostre del parcheggio Cesarano di Manfredonia, lo fate voi per primi”, dichiara la dottoressa Sipontina Ciuffreda dirigente del Comune responsabile della questione di cui stiamo trattando. “Io non ho mai comunicato né telefonicamente e né di persona con i referenti dei giostrai che non hanno mai ricevuto nessuna nostra autorizzazione scritta al montaggio delle giostre, che, tra l’altro, ci aspettavamo fossero giostrine per bambini invece poi abbiamo appurato essere un vero e proprio Luna Park nel cuore della città. Richiesta d’installazione per tutto il mese di agosto. Non centra nulla il covid, la festa patronale o altro, ma solo la mancanza di autorizzazione da parte nostra e la violazione di quest’ atto amministrativo che probabilmente prima non veniva richiesto preventivamente ma all’atto del collaudo. Il parcheggio Cesarano è a servizio della pubblica utilità quindi non può essere occupato in modo importante da un Luna Park, che comporterebbe disservizio pubblico oltre che un importante intasamento del traffico sul quale ci saremmo dovuti confrontare con il comando dei Vigili Urbani. Non nascondo che stavamo lavorando per concedere l’autorizzazione e per tale ragione abbiamo anche fatto ripulire l’area, ma ci aspettavamo giostre piccole e non un vero e proprio Luna Park a ridosso di civili abitazioni. La Commissione Straordinaria del Comune di Manfredonia è stata chiamata in città per il ripristino della legalità e se viene occupato il suolo pubblico senza autorizzazione, questo non è contemplato dalla legge, forse è stato un iter procedurale del passato ma oggi non è più possibile. Le norme restrittive sulla sanificazione degli spazi pubblici non centrano nulla, è una questione che viene dopo l’iter autorizzativo dell’istallazione. Per tale ragione” continua la dirigente Ciuffreda “in risposta alla richiesta di installazione dello spettacolo viaggiante, abbiamo replicato che il luogo destinato ad ospitare il luna park ricade all’interno del centro abitato e a ridosso del Lungomare del Sole ove sono presenti numerosi lidi, oltre a civili abitazioni e considerando che lo spettacolo viaggiante, per le sue caratteristiche di rumorosità, necessita di specifici accorgimenti a tutela dei cittadini, è stata rigettata la richiesta all’istallazione del parco ad esclusione delle piccole attrazioni”. Questo è quanto ha dichiarato l’ente pubblico.

Per par condicio abbiamo raccolto anche il pensiero del Sig. Alberini, referente dei giostrai il quale ha manifestato la massima disponibilità al rispetto di tutte le prescrizioni richieste per la tutela dei cittadini, mettendo in evidenza che in altri comuni gli stessi parchi vengono montati anche in aree popolose, sempre nel rispetto dei reciproci bisogni di quiete pubblica e di lavoro, in questo momento, per alcune categorie, un vero dramma. Al momento le giostre stanziano nell’area del parcheggio Cesarano poiché nei giorni festivi non possono circolare e si attende, con il massimo rispetto delle norme di legge e serenità tra le parti, un nuovo confronto con il Comune di Manfredonia per comprendere se ci sono i presupposti per poter fare solo il loro lavoro. Lunedì lo constateremo.

 

Raffaele di Sabato

 

Articolo presente in:
News

Commenti

  • “e viene occupato il suolo pubblico senza autorizzazione, questo non è contemplato dalla legge, forse è stato un iter procedurale del passato ma oggi non è più possibile”. Sono le dichiarazioni della Dirigente del Comune di Manfredonia che si è autoaccusata di aver dato suolo pubblico senza autorizzazione negli anni passati.

    Francesco S 19/07/2020 17:20 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *