Martedì 11 Maggio 2021

Iniziati i lavori di sistemazione dei campi da tennis in concessione all’ASD Atletica Manfredonia

3 0

Il grande sogno dei fratelli Raffaele e Adolfo Manfredi, titolari dell’ASD (Associazione Sportiva Dilettantistica Atletica) di Manfredonia, sta diventando realtà. Il 28 novembre scorso la bella notizia: l’inizio dei lavori per il rifacimento di due campi da tennis non omologati, fruibili anche per altre discipline sportive, situati alla via Scaloria adiacenti il Palazzetto dello Sport. Gli stessi sono stati ottenuti in concessione dal Comune di Manfredonia dopo un’attesa lunga e snervante durata 17 anni, a causa della farraginosità della politica e della burocrazia. Strutture fatiscenti, per anni non utilizzate, lasciate in completo stato di abbandono, per l’insipienza e la cecità delle amministrazioni che si sono succedute nel tempo, incapaci ed insensibili di investire nello sport, se non a spese di qualche pazzo, fortemente innamorato dello sport e della sua città. Tuttavia, nonostante siano iniziati i lavori, i problemi non sono finiti, in particolare per la presenza di pali e cavidotti Enel che ostacolano la realizzazione dei lavori e di un senza tetto che occupa uno dei locali. Per memoria storica diciamo che il calvario dell’Associazione Sportiva Atletica ha avuto inizio il 5 maggio 2003, allorquando il presidente Raffaele Manfredi avanzò formale richiesta indirizzata al sindaco per l’ottenimento di terreno comunale in comodato gratuito per attività sportivo-sociali, con particolare riferimento all’area adiacente il palazzetto dello sport di via Scaloria, impegnandosi di produrre regolare progetto per la sistemazione dell’intera zona. La risposta, arriva il 29 settembre 2003 su di un foglio manoscritto, a firma dell’allora assessore allo Sport, Turismo e Tempo libero dell’epoca, il quale così si espresse: “L’accoglimento della richiesta è subordinata alla produzione di studio di fattibilità e piano economico e finanziario. Concertare provvedimento con l’ufficio tecnico e lavori pubblici. La durata del comodato va determinata sulla base delle attività da svolgere e gli spazi da riservare alla P.A.” Il 18 febbraio 2020, (17 anni dopo), finalmente la fatidica firma dell’atto di concessione, grazie all’impegno del Commissario straordinario, dott. Vittorio Piscitelli Ci auguriamo che, senza ulteriori intoppi, l’opera veda presto la luce. Manfredonia ne ha tanto bisogno. Ai fratelli Manfredi, ancora grazie per il coraggio nell’affrontare un’impresa che, senza ombra di dubbio, sarà apprezzata dall’intera cittadinanza, in particolare dai giovani.

di Matteo di Sabato

Redazione R.
Articolo presente in:
News

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO