Lunedì 6 Dicembre 2021

L’enorme patrimonio delle biblioteche di Manfredonia

2 1

Le biblioteche rappresentano uno dei più importanti poli culturali delle nostre città. Luoghi silenziosi, nell’ultimo anno più del solito, nei quali è custodito il sapere contenuto nelle migliaia di libri che spesso dimorano negli scaffali ordinati. Il sistema bibliotecario della nostra città consta sostanzialmente di tre poli. Il più frequentato sono sicuramente le “Civiche Biblioteche Unificate”, oggi situate presso il prestigioso Palazzo dei Celestini. La biblioteca è costituita da diversi fondi, il primo dei quali è risalente al 1910 ed è articolato in 600 volumi che giunsero dal soppresso Convento dei Frati Minori della Curia Provincializia “S. Michele Arcangelo in Puglia”. Il patrimonio librario è stato organizzato da Luigi Pascale e dall’avv. Mario Simone ed attualmente presenta 27000 volumi. A raccontare la storia del nostro territorio ci sono i circa 1000 volumi della Sezione Locale. La biblioteca, prima di questo delicato periodo pandemico, è sempre stata molto frequentata dai giovani sipontini che spesso vedono nei suoi ampi locali un luogo nel quale poter studiare in tranquillità. Altro importante polo è quello dell’Archivio Storico del Comune di Manfredonia, che custodisce preziosi documenti che raccontano le memorie della città, con circa 2600 testimonianze che vanno dal XVIII al XX secolo, oltre a documenti risalenti anche al XVII secolo. Attualmente l’archivio si articola in due sedi: l’Archivio storico di Via De Gasperi 78, con la maggior parte del patrimonio, e l’Archivio storico di Largo del Seminario 17. Il servizio è pubblico ed attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30, previo appuntamento con gli addetti del servizio, i cui Uffici sono collocati in Piazza del Popolo 8. Straordinario riferimento per la diocesi garganica di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo è la Biblioteca diocesana di Manfredonia, sita presso il Seminario in via San Lorenzo 83, con un archivio che si sviluppa in un’area di circa 130 metri, recentemente riordinato. Infine, non possiamo dimenticare gli oltre 20.000 volumi conservati presso la Biblioteca del Museo Etnografico Sipontino, intitolata al prof. Giacomo Melillo. “Il patrimonio librario spazia dalla storia locale alla filosofia-ci riferisce l’avv. Dario Melillo – con una preziosa raccolta di tesi di laurea di studenti dell’Università di Bari.  I volumi più antichi, di mio padre Michele, sono stati oggetto di una donazione in favore del Comune di Manfredonia”.

di Giovanni Gatta

Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO