Mercoledì 4 Agosto 2021

San Giovanni Rotondo: Carabinieri arrestano donna 43enne del luogo trovata in possesso di oltre un chilo di cocaina

1 0

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo, hanno arrestato D.M.N. 43enne del luogo per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, nel corso di opportuni servizi di prevenzione e repressione di reati in genere, con l’ausilio di pattuglie dalla Compagnia di Intervento Operativo del 14° Battaglione di Vibo Valentia, la sera della festa patronale in San Giovanni Rotondo hanno eseguito numerosi controlli su persone e mezzi di interesse operativo.

Nel corso di un controllo alla circolazione stradale, eseguito alle porte di San Giovanni Rotondo di mezzi e persone provenienti dalla vicina San Marco in Lamis, i militari notavano transitare l’autovettura condotta dall’arrestata, nota agli operanti per i suoi trascorsi giudiziari (negli ultimi mesi è stata arrestata due volte per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti), la quale alla vista dei militari assumeva un atteggiamento sospetto tipico di chi volesse nascondere qualcosa di illecito.

Proprio tale atteggiamento induceva i militari operanti ad approfondire gli accertamenti procedendo alla sua perquisizione personale che veniva estesa a quella del mezzo da lei condotto. Ancor prima che venisse eseguita la perquisizione del mezzo, la persona arrestata, consapevole di quello che stava per succedere, al fine di assicurarsi l’impunità tentava di corrompere i militari operanti offrendo loro “qualsiasi cosa”. Tentativo questo andato a vuoto poiché i militari procedevano negli accertamenti che quella situazione richiedeva. Durante la perquisizione del mezzo, veniva rinvenuto un “panetto” di cocaina di oltre un chilo, celato all’interno del vano portaoggetti.

A seguito di tale rinvenimento, nelle condizioni sopra riportate scattava l’arresto della donna, cui seguiva il sequestro della sostanza stupefacente.

Le analisi qualificative e quantitative eseguite sulla droga sequestrata, da parte degli operatori del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale Carabinieri di Foggia, confermavano la natura della sostanza ed indicavano che da quei quantitativi era possibile ricavare ben 5265 dosi di “cocaina”.

 

Articolo presente in:
Capitanata · Cronaca · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO