Lunedì 29 Novembre 2021

Fresca: “Manfredonia Capitale Italiana della Cultura 2026”

10 2

È una sfida, lo sappiamo bene, ma dobbiamo crederci ponendoci un obiettivo alto per restituire Dignità a Manfredonia con il suo essere un mosaico unico le cui tessere sono costituite dai siti e dai beni culturali, storici e archeologici, uniti tra loro attraverso un patrimonio immateriale esclusivo.
Attraverso la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2026 sarà possibile percorrere un viaggio che partirà dalla valorizzazione condivisa e responsabile collettiva del patrimonio culturale per giungere ad un progetto strategico unitario capace di attivare forme di resilienza, economia circolare, partecipazione, sostenibilità. Un percorso che renderà Manfredonia un grande laboratorio culturale sociale, di rilevanza nazionale ed europea, luogo di sperimentazione di metodologie e buone prassi per il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale.
Il progetto di candidatura, stante alle indicazioni del Ministero, si basa sulle seguenti tematiche: inclusione sociale; formazione collettiva e partecipata; incontro interculturale; interconnessioni fra residenti e turisti; valorizzazione e promozione del patrimonio identitario culturale; valorizzazione del ruolo partecipato e attivo di tutte le comunità locali come testimoni significativi del territorio, in grado di far conoscere esperienze e storie di vita, ma anche di comunicare conoscenze ed emozioni, di mettere a disposizione oggetti rappresentativi, di accompagnare la scoperta di luoghi ed eventi; valorizzazione della creatività, di progetti, di esperienze professionali per meglio rappresentare ed investire il capitale di invenzione sociale e culturale delle comunità; valorizzazione e crescita delle imprese creative e culturali del territorio; sviluppo di un’effettiva rete e di una forte alleanza fra attori culturali, sociali ed imprenditoriali che si occupano di cultura e turismo; percorsi innovativi culturali e sociali; consolidamento dei processi di condivisione e coesione territoriale; attivazione di azioni condivise e partecipate, orientate a dare continuità al passato, presente e futuro; alleanza tra le diverse generazioni, dai giovanissimi agli anziani per una migliore partecipazione.

Manfredonia Capitale Italiana della Cultura 2026 dovrà essere una Città Strategica, in linea con le indicazioni europee e dunque si renderà necessario avviare il “Planning Cities for the future” che collega lo studio della competitività economica urbana con la pianificazione urbana ed è in grado di accertare i fattori cruciali per il successo di questo settore delle politiche pubbliche.

Questi fattori includono una governance, una leadership e un monitoraggio efficaci delle prestazioni.
Una delle caratteristiche più distintive di una smart city è la sua capacità di assimilare nuove tecnologie. Ma cosa intendiamo per tecnologia per le città intelligenti? Non è un elenco di dispositivi “che facilitano la vita urbana”: auto a guida autonoma, Big Data, robot, autoalimentazione, servizi pubblici remoti… rivelano il grado di intelligenza urbana in superficie. Tuttavia, la loro integrazione si basa su un’equazione più complessa.
Per risolverlo, è importante notare che queste soluzioni di smart city sono strettamente correlate e generano effetti a molti livelli. Proprio il valore della rivoluzione tecnologica che stiamo vivendo è che l’introduzione della tecnologia porta con sé conseguenze ad altri livelli. Pertanto, molti esperti usano la descrizione organica e immaginano una città intelligente come un’entità vivente.
La tecnologia intelligente applicata a quell’organismo gli consente di scalare posizioni evolutive, come se fosse “2001: Odissea nello spazio”. In altre parole, l’obiettivo non è solo quello di migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti, ma anche di prevedere e affrontare le sfide future , che potrebbero addirittura avanzare seri dubbi sulla sopravvivenza.

Perché è urgente che Manfredonia cambi? Ho trovato cinque forti motivazioni:
1. Degrado della qualità della vita: la mancanza di qualità della vita è un fattore importante nelle città. Quando questa viene diminuita, i ricchi sono i primi ad abbandonare l’area, chiudendo l’attività economica e riducendo ulteriormente la qualità della vita limitando il capitale circolante. Un circolo vizioso difficile da spezzare.
2. Sfruttamento delle risorse non rinnovabili: l’esaurimento delle risorse locali è stato per molti anni il motivo dell’allontanamento di nuove città. Queste ‘risposte’ della natura, che includono il cambiamento climatico, sono un fattore rilevante che porta al declino delle città.
3. Le pandemie e una cattiva risposta a queste: anche le pandemie, come il COVID-19, hanno avuto un impatto significativo con gravi problemi di salute urbana.
4. Pianificazione urbana insostenibile per non dire inesistente: Manfredonia è il peggior esempio in merito alle politiche di sviluppo e pianificazione urbane carenti, bloccando ogni possibilità di miglioramento della qualità della vita.
5. Mafia, il distruttore di tutto: La criminalità mafiosa è stata di gran lunga la ragione principale della decimazione della città, rendendo schiava la popolazione privandola di ogni possibilità di sviluppo.

Nel mondo migliaia di città hanno già cambiato direzione per rimanere in vita. Considerato che nel 2050 due terzi della popolazione vivrà in una città. Ma quale città? Si può prevedere una “sopravvivenza” per come è stata ridotta oggi? Questa semplice statistica mette a rischio i segni vitali di qualsiasi spazio urbano in termini molto basilari di rifugio, approvvigionamento o sostenibilità. Rivolgersi all’intelligenza tecnologica significa esplorare un percorso senza precedenti per combattere queste sfide.
Ma quali sono le tecnologie utilizzate dalle Smart City?
Big Data: la conoscenza e l’informazione sono grandi poteri. Il principio chiave dell’empirismo in filosofia viene trasferito alla nostra era nello sviluppo dei Big Data. Ora, il potere non consiste solo nel sapere, ma nella gestione di massa di quel sapere e dei suoi usi. Ecco perché i Big Data sono considerati il nuovo petrolio. L’utilizzo di grandi masse di dati è fondamentale per le amministrazioni pubbliche e gli enti privati in termini, ad esempio, di elaborazione di milioni di file o di controllo dei flussi di trasporto. I Big Data dovrebbero mirare a rafforzare i valori democratici, la sicurezza o l’inclusione sociale delle città. La fortuna di un oracolo o “psicostoria” che aspira a risolvere i problemi attuali o prima che compaiano quelli futuri.
Intelligenza artificiale: naturalmente, gli esseri umani avranno bisogno di un “piccolo” aiuto nella gestione di questo traffico di informazioni e questo aiuto viene dallo sviluppo dell’intelligenza artificiale. La corsa alle macchine per integrare i processi umani è in pieno svolgimento. Va da sé che nei prossimi anni dovremo fare i conti con conflitti etici che emergeranno dalla loro partecipazione come nel caso dell’applicazione degli algoritmi di riconoscimento facciale. Questa tecnologia può aiutare ad aumentare la sicurezza e ridurre la criminalità, mentre contraddice anche valori fondamentali come la privacy e la non discriminazione. Come per i Big Data, il vero potenziale dell’intelligenza artificiale non sta in ciò che può fare per noi, ma piuttosto nelle soluzioni autentiche che ci fornirà grazie al machine learning.
Internet delle cose nelle città: l’IoT è uno dei progressi più tangibili e organici di una città intelligente. L’integrazione di sensori e oggetti sul cloud ha aperto un mondo di possibilità in tutti i dipartimenti urbani, dal controllo dei flussi energetici, del traffico o di qualsiasi incidente in tempo reale.
L’obiettivo dell’IoT è promuovere la digitalizzazione e l’interoperabilità dei servizi forniti da una città e che fanno parte di questa rivoluzione per la vita, e anche la morte, nelle città.
Connettività: se parliamo di connettività, non possiamo ignorare, in termini di infrastrutture, un altro pilastro tecnologico delle città: le reti di comunicazione intelligenti. Oggi questo è fortemente legato all’implementazione del 5G , ma non è l’unico settore in cui funzionano le telecomunicazioni. Il 5G contribuirà al miglioramento dell’IoT consentendo l’interconnessione fino a 20 miliardi di dispositivi. Aiuterà anche in termini di sostenibilità energetica.
Verso un modello di sostenibilità: la riduzione della bolletta energetica esplorando nuove forme di produzione e gestione dei modelli esistenti è fondamentale per parlare di futuro (o di vita sulla crosta terrestre). Questo è un altro fattore strutturale che si integra nella genetica delle tecnologie per le smart city. Lo possiamo trovare nello sfruttamento delle energie rinnovabili o nella gestione dei rifiuti. In questa guerra contro l’inquinamento, potremmo avere ancora alcune battaglie da perdere.
Illuminazione intelligente: le soluzioni viste finora forniscono una nuova prospettiva strutturale. Tuttavia, ci sono altri sviluppi correlati che promuovono alternative sostenibili. È il caso dei sistemi di illuminazione intelligenti con i quali si ottengono risparmi energetici fino al 65%. Allo stesso modo, sono anche un raggio di speranza per il crescente problema dell’inquinamento luminoso.
Reti di trasporto in una smart city: i trasporti saranno una delle aree che vedranno i maggiori sviluppi. L’elettrificazione e i veicoli a guida autonoma stanno guidando l’industria automobilistica oggi. Il primo comporta il miglioramento delle batterie; la seconda, l’enorme sfida di applicare l’intelligenza artificiale alla mobilità. Tuttavia, non sono le uniche tendenze. Si profilano all’orizzonte nuove forme di comunicazione urbana, in cui l’automobile non gioca un ruolo così importante e che vede emergere un nuovo significato di mobilità pubblica.

MANFREDONIA CITTÀ STRATEGICA, CITTÀ SMART
Ogni Smart City sogna di migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti. Se analizziamo questo concetto, la creazione di ambienti sostenibili e inclusivi è particolarmente rilevante tra i benefici che ho menzionato. In effetti, l’inclusione è un paradigma per le città intelligenti. Non possono permettersi il lusso di ignorarlo. Quasi tutte le tecnologie intelligenti trasmettono una prospettiva morale volta a promuovere l’equità e l’equità. Questi possono fare molto, ad esempio, per le persone disabili. È chiaro che, nella nuova era urbana che si apre davanti a noi, il lato più umano della tecnologia deve ancora essere esplorato. Così come il concetto di alveare è inseparabile dal concetto di ape, una città tecnologicamente “inumana” non può aspirare ad essere altro che un ossimoro fallito.

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO