Sabato 18 Maggio 2024

Presidenza della Provincia Bonito o Bisceglia  per battere Nicola Gatta?

0 0

Chi sfiderà Nicola Gatta, al secolo presidente uscente della Provincia di Foggia, lanciato a rotta di collo per conservare la prestigiosa poltrona? È il dilemma che in questi giorni dovranno risolvere le forze politiche che non si riconoscono nel centrodestra, posto che è chiaro come il sole che Nicola Gatta ha già incassato il via libera di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia. E allora? Allora nel largo accampamento dove si ritrovano tutti gli altri bisognerà cercare di fare sintesi, trovare un nome condiviso nel tentativo di arginare le velleità del centrodestra, legittime ma non per questo scontate. La partita, inutile nasconderlo, è politica. Nel prossimo autunno Foggia tornerà al voto per ripristinare la sua assemblea civica, decapitata dagli scandali che il centrodestra porta in dote, una macchia infamante da non dimenticare. Perdere a Palazzo Dogana sarebbe un campanello allarmante per la prossima disfida di Foggia, questo il punto! Democratici e pentastellati hanno preso a ragionarci su, ma la quadra appare lontana anche perché ci sono i “civici”, una specie ondeggiante ancora incerta da che parte stare. Al momento a danzare sarebbero almeno in quattro. Matteo Vocale, sindaco di Sannicandro Garganico e Francesco Bonito, sindaco di Cerignola, entrambi con i favori del Movimento 5 Stelle. Poi ci sono Pierpaolo D’Arienzo, che è il sindaco di Monte Sant’Angelo e Giuseppe Nobiletti, sindaco di Vieste, sospinti dal partito democratico. In vero ci sarebbe anche Giuseppe Pitta, sindaco di Lucera gradito ai civici che non vorrebbero rimanere alla finestra. Tutti nomi all’altezza del compito, anche se non andrebbero sottovalutati alcuni sottili aspetti tutt’altro che secondari che potrebbero fare la differenza. Su Francesco Bonito, nulla quaestio, ci mancherebbe! Personaggio di grande caratura politica, etica e morale. Anche Matteo Vocale vanta un bel pedigree, forte della svolta che è stato capace di compiere nel suo comune. Non da meno Pierpaolo D’Arienzo e Giuseppe Nobiletti, due bravi sindaci che hanno rimesso in piedi Monte Sant’Angelo e Vieste, oggi arroccate su percorsi di legalità intransigente che hanno rilanciato quelle comunità sul versante turistico con numeri importanti. Ci sarebbe anche Giuseppe Pitta, giovane sindaco di Lucera. Ma qui verrebbe da pensare alla sua maggioranza sempre traballante e poi al ruolo di Antonio Tutolo, campione di consensi, ma lontano oggi anni luce dal sindaco della sua città. Eppure, bisogna decidere, bere o affogare, perché il rischio incombente è che Nicola Gatta corra da solo, indisturbato sino alla meta fissata al 28 gennaio. Personalmente credo che l’ipotesi Bonito resti la più prestigiosa ma anche la più realistica sul piano politico. Si andrà alle urne con il voto ponderato, fattore decisivo per tagliare il traguardo sono i consiglieri dei grandi comuni dove il centrosinistra è in vantaggio dappertutto, tranne che a Manfredonia. Anche sul Gargano e nei Monti Dauni la bilancia propenderebbe più verso il centro sinistra, sempre che si riesca però a trovare un nome che metta tutti d’accordo. Il tema vero è dunque politico. La Provincia di Foggia può riscattarsi attraverso questo voto e scrollarsi di dosso il marchio infamante di terra di mafia. Quale migliore occasione? Se non riparte Foggia, relegata al quartultimo posto nella graduatoria della qualità della vita come scrive il Sole 24 Ore, tutta la Capitanata rimarrà in affanno. Ecco perché serve aprire una discussione seria sul voto per la Presidenza della Provincia di Foggia e su quel che comporta per le forze politiche e per il futuro della Capitanata. Allargando lo sguardo penso a Michele Bisceglia, sindaco di Mattinata, un personaggio che ha rilanciato quella realtà paludata e dimenticata degli anni andati. Oggi Mattinata è un gioiello, un piccolo scrigno realizzato con azioni di buona e sana amministrazione, sempre attenta, immediata e diretta sui temi della modernità coniugati con la legalità. Parole chiave di cui la Capitanata ha un forte bisogno. E se, rompendo gli schemi, fosse proprio questo sindaco quarantacinquenne, laureato in economia aziendale, molto smart, creativo, innovativo e visionario, interprete del valore della prossimità, al sevizio h 24  per la sua cittadina a prendere sulle spalle Palazzo Dogana? Forse, ripensando ad un famoso tormentone pubblicitario degli anni ‘80 del grande Renzo Arbore, anche qui varrebbe la pena di dire: meditate gente, meditate!

di Micky dè Finis

 

Articolo presente in:
News · Venti ed Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com