Giovedì 13 Giugno 2024

Mercati finanziari: ecco gli asset da monitorare per iniziare a investire in borsa oggi

0 0

Muoversi sui mercati finanziari riuscendo a prevedere i trend dei vari settori può consentire agli investitori di generare delle entrate extra. L’analisi dei dati storici e l’attento studio dei grafici possono aiutare a ipotizzare il futuro andamento del prezzo degli strumenti finanziari. Fermo restando che i mercati sono imprevedibili e che anche i traders esperti possono commettere degli errori di valutazione, lo studio dei mercati si rivela un elemento fondamentale per coloro che vogliono tentare di generare dei profitti con gli investimenti.

Lo studio dei mercati finanziari diventa ancor più importante per coloro che sono alle prime armi. A tal proposito, è possibile leggere la guida che spiega come investire in borsa da principianti disponibile su Mercati24.com, portale specializzato nell’ambito delle investimenti finanziari che propone contenuti e approfondimenti dettagliati in merito. In questo modo si potranno apprendere le basi del trading e, più in generale, degli investimenti digitali, così da evitare gli errori più frequenti che mettono a rischio il capitale e riducono le performance dei portafogli finanziari.

Nell’ottica di migliorare i rendimenti del portafoglio è bene conoscere i principali assets da tenere d’occhio. Ciascuno strumento finanziario dovrebbe essere analizzato in dettaglio per capire se aprire nuove posizioni, o se ridurre l’esposizione a quel determinato asset. Insieme allo studio dei singoli strumenti finanziari bisognerebbe informarsi anche sulle condizioni economiche e politiche dei vari stati.

Investire in azioni nel 2023

Il comparto azionario ha sofferto lo scorso anno, è stato colpito infatti dalla politica monetaria caratterizzata da un aumento dei tassi di interesse, voluto sia dalla FED che dalla BCE. Molti titoli azionari sono andati incontro a una riduzione drastica del loro valore e gli investitori che erano esposti in gran parte alle azioni hanno dovuto sopportare delle performance negative.

Le azioni potrebbero continuare ad avere dei mesi difficili, soprattutto se le banche centrali proseguiranno con la loro politica monetaria restrittiva. Attualmente molti titoli azionari sono scambiati a un valore basso rispetto ai massimi di mercato e ciò potrebbe rappresentare un buon livello di ingresso. Nel caso in cui la quotazione dovesse tornare a salire gli investitori potrebbero ottenere ottime percentuali di profitto.

Chi sceglie di investire in azioni deve essere consapevole del grado di rischio associato a questi strumenti finanziari. Le azioni sono assets volatili, il controvalore del portafoglio può dunque avere delle ampie oscillazioni, anche nell’arco di breve tempo. In genere gli investitori creano un portafoglio non totalmente esposto alle azioni, procedono piuttosto a una differenziazione della strategia.

Società tecnologiche

Le società tecnologiche sono le aziende che hanno sofferto maggiormente lo scorso anno. Alcuni titoli azionari sono scesi di valore in maniera significativa rispetto a poco tempo fa e molti analisti ritengono che sia un buon momento per inserire questi titoli in portafoglio. La speranza è che le azioni possano riprendere la salita verso i massimi storici, consentendo agli investitori di ottenere dei profitti.

Società energetiche

Una buona percentuale di analisti consiglia di tenere d’occhio l’andamento delle aziende attive nel settore energetico. Lo scenario geopolitico attuale potrebbe avere un impatto notevole sugli utili di queste società e dunque sul loro valore di mercato. Prima di acquistare il singolo titolo è necessario fare una valutazione approfondita delle caratteristiche dell’azienda, dei suoi dati finanziari e dei progetti per il futuro.

Investire sulle azioni con gli ETF

Una strategia di investimento per puntare sul comparto azionario senza esporsi ai singoli titoli prevede l’acquisto di ETF azionari. Gli Exchange Traded Fund sono strumenti che danno l’opportunità di investire su un paniere di azioni, in modo da distribuire l’esposizione e tenere sotto controllo il rischio.

La composizione del paniere varia in base all’ETF scelto, si va dall’azionario mondo a ETF su settori specifici, ad esempio quello dedicato alle aziende del settore delle energie rinnovabili.

Articolo presente in:
Dal Mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com