Domenica 21 Aprile 2024

Controlli serrati della Guardia Costiera durante le festività natalizie

0 0

Nell’ambito dell’operazione complessa su scala nazionale denominata “Clear Label”, disposta dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e finalizzata a garantire, nell’imminenza delle festività natalizie, la tracciabilità (etichettatura e rintracciabilità) dei prodotti della pesca, commercializzati all’ingrosso ed al dettaglio nella città sipontina e nell’intero hinterland di Foggia, i militari del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Manfredonia, diretti dal Comandante Marcello Notaro, congiuntamente al Servizio Veterinario dell’ASL Foggia e agli altri corpi/amministrazioni per quanto di propria specifica competenza, operanti da sempre nell’ambito di una collaudata collaborazione istituzionale, hanno posto sotto sequestro oltre 3 tonnellate di prodotti ittici, perchè privi dei requisiti di tracciabilità o perché commercializzati in assenza dei requisiti minimi igienico-sanitari, il tutto per un valore commerciale stimato, nella vendita al dettaglio, di quasi 30.000 euro.
Nel complesso, gli illeciti amministrativi accertati sono stati 25 (venticinque), tra i casi più frequenti la vendita di prodotti ittici privi di regolare etichettatura e le violazioni delle norme sulla rintracciabilità. Oltre 20.000 euro l’importo delle sanzioni amministrative pecuniarie comminate, la cui definizione è demandata per legge al Servizio contenzioso della Regione Puglia che, nel solco di un sinergico rapporto di collaborazione istituzionale con la Guardia Costiera, sta procedendo all’adozione dei relativi procedimenti amministrativi.
Le attività operative, iniziate il 2 dicembre scorso e mirate soprattutto al controllo delle piattaforme logistiche di distribuzione e delle merci d’importazione per via marittima, al fine di prevenire “alla fonte” l’immissione nel circuito commerciale di alimenti non sicuri, nel complesso hanno portato al sequestro amministrativo di prodotti del tutto privi delle informazioni obbligatorie necessarie ai fini di assicurarne la rintracciabilità, ovvero la provenienza e le caratteristiche alimentari. Altresì è doveroso ricordare il contrasto al fenomeno dell’ambulantato abusivo lungo le arterie cittadine di Manfredonia e Cagnano Varano, con due quintali di prodotto ittico posto sotto sequestro, e la scoperta di una pescheria abusiva prontamente sanzionata e chiusa con provvedimento dell’ASL Foggia.
Le attività di controllo proseguiranno anche nei prossimi giorni allo scopo di garantire che, a tutela del fondamentale diritto alla salute, sulle tavole dei consumatori, non solo pugliesi, giungano prodotti della pesca tracciati e sicuri.

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com