Sabato 4 Febbraio 2023

Se te vedarrinne cûme je te vôte

0 0

Se te vedarrinne cûme je te vôte

e no cûme e l’ugghje a l’acque nzôpa nzôpe

ne nge starrje cchiô a Sèrpe a dôje côte

ca béce l’Aine e po’ aspètte ca crôpe

spannûte vejéte a la sparètte u sôle.

Spararrje u Ruspe, u Porge nd’a farîne,

a Mèdiche, u Cèmece ca nd’i lenzôle

u sanghe sorchje nnucènde du uagnône.

A Taranghe faciarrje cèndre pu litte

u Lûpe, ai dinde, a bèlla cammîsôle

pu Vèrme a la nûte senza reggitte,

u Rizze cammîsèlle pa capîsciôle.

E pò a Tràscîne, u Nigghje, u Mônne tôtte

n’autére t’adergiarrje quand’a lendèrne

fatte de sôppleche e ‘razziûne a rôtte,

dîsciûne, mea côlpe e rèquiem ètèrne.

E tô ca farte prejé ndande te piéce

i pite mbunnarrisse e a chépe ai prôte

e Cile e Tèrre regnarrinne mbéce.

Se te vedarrinne cûme je te vôte.

 

Franco Pinto

 

Se ti vedessero come io ti vedo: Se ti vedessero come io ti vedo / e non come l’olio sull’acqua / non ci sarebbe più la Serpe a due code / che bacia l’Agnello e poi aspetta che muore / stesa beata ai raggi del sole. / Sparirebbe il Rospo, la Pulce nella farina, / la Sanguisuga, la Cimice che nelle lenzuola / succhia il sangue innocente del bambino. / La Tarantola farebbe merletti per il letto / il Lupo, ai denti, la bella maglia / per il Verme nudo senza requie, / il Riccio camicette con i nastrini. / E poi la Tràscina, il Nibbio, il Mondo tutto / un altare ti innalzerebbe quanto il faro / fatto di suppliche e orazioni a non finire / digiuni, mea culpa e requiem aeternam. / E tu che farti pregare non tanto ti piace / i piedi bagneresti e la testa alle pietre / e Cielo e Terra regnerebbero in pace. / Se ti vedessero come io ti vedo.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

 

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO