Mercoledì 14 Novembre 2018
Gelsomino - Natale da favola (728x90)

A gionde

4 0

Cûme quanne uagnône a panettôre

me mettôve a gionde pe calatôre

alla pagnotte u péne ca n’arrîvéve

au piseme giôste ca vulôve

acchessì a celèste e sanda corte,

ca decîde de vîte e de morte,

m’ho déte na gionde de vîte

pure ca u pecchè nen l’è capîte.

M’hanne ditte: “De maste falegnéme,

pûre chiù bréve, ne tenîme pûre assé,

de puôte, po’, nen ne parléme.

Va’, turne d’add’ji ca si venûte

e gùdete sta gionde de vîte

alla facce da nféma malasorte”.

Ma a che véle na gionde o tutte i vîte

du mónne se po’ ne l’è pe chi sparte?

Chi m’ho ’rrubbéte àneme e côre

e candéte sèmbe canzûne d’amôre

appône viste a mala paréte,

“vatte lu friche” e ce n’ji scappéte…

Franco Pinto

 

L’aggiunta: Come quando da bambino la panettiera / mi metteva un’aggiunta in più / alla pagnotta di pane che non raggiugeva / il peso giusto che avevo chiesto / così la celeste e santa corte, / che decide della vita e della morte, / mi ha dato un’aggiunta di vita / anche se il perché non l’ho capito. / Mi hanno detto: “Di mastri falegnami, / anche più bravi, ne abbiamo in abbondanza, / di poeti, poi, non ne parliamo. / Va’, torna da dove sei venuto / e goditi quest’aggiunta di vita / alla faccia dell’infame malasorte”. / Ma che valore hanno un’aggiunta o tutte le vite / del mondo se poi non hai nessuno con cui condividerla? / Chi mi ha rubato anima e cuore / e cantato sempre canzoni d’amore / appena vista la mala parata / “di che gran carriera” è scappata via…

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Foto Pasquale di Bari, riproduzione vietata

Redazione M.

Potrebbero interessarti anche...

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php