Lunedì 17 Giugno 2024

Michele Troiano: due proposte per salvare l’Ospedale San Camillo di Manfredonia

8 1

Carissimo Direttore, e’ da un po’ di tempo che non ci sentiamo. Dopo la sua rinomina a Direttore Generale dell’ASL pensavo che la situazione ospedaliera potesse migliorare, ma mi sbagliavo. La situazione e’ peggiorata di molto e continuera’ a peggiorare se non vengono adottate misure adeguate. Non voglio entrare nel merito di quanto affermato da alcuni responsabili regionali in merito al risparmio economico in campo sanitario altrimenti dovrei sottolineare l’incoscienza di questi personaggi per i tanti tagli a discapito dei cittadini: “si e’ soddisfatti dell’asino che mangia ogni giorno di meno ma poi ci si accorge che alla fine l’asino muore”!!!!!

Veniamo alle due proposte. Naturalmente occorre mettere da parte i famosi algoritmi che fino ad ora hanno creato solo danni.

La prima. Considerata la scarsa consistenza soprattutto del personale medico e di quello infermieristico la proposta e’ di creare dei dipartimenti in modo da accorpare e poter operare nel miglior modo possibile.

Visto che a Manfredonia, a Cerignola, a San Severo non ci sono sufficienti ortopedici non e’ il caso di creare appunto una equipe itinerante in modo che un giorno si possa operare a Manfredonia, un giorno a Cerignola, un giorno a San Severo?. La stessa proposta vale per il Servizio di Anestesia e Rianimazione. In questo modo unificando le unita’ si puo’ operare secondo legge ed evitare che tantissimi interventi vengono effettuati fuori dall’ASL con la conseguente spesa per la mobilita’ passiva. Lo stesso discorso vale per la ginecologia di Manfredonia. Il primario di Cerignola, che tanto desidera aumentare il numero degli interventi, potrebbe venire a effettuare interventi ginecologici a Manfredonia evitando così inutili pellegrinaggi a San Giovanni Rotondo o a Foggia.

Naturalmente occorrono incentivi economici agli operatori ma questi incentivi vengono ampiamente coperti dalla mancata mobilita’ passiva.

La seconda proposta e’ quella piu’ radicale. Noi cittadini di Manfredonia, ma lo potrebbero chiedere anche quelli di Cerignola e di San Severo così come sta accadendo per Lucera, vogliamo scorporare in nostro ospedale dall’ASL e aggregarlo alla struttura universitaria di Foggia in modo che si crei un polo unico ospedaliero ma distribuito sul territorio provinciale e in grado di rispondere in modo piu’ efficace alle esigenze locali.

I questo modo l’ASL si dedicherebbe esclusivamente al territorio e il polo ospedaliero sarebbe gestito da esperti che hanno una competenza organizzativa specifica e non generica come quella attuale.

Proposte semplicistiche?. Basta approfondirle bene e si potranno vedere i risultati. Comunque le cose così come stanno vanno malissimo e noi non possiamo piu’ accettare una simile situazione.

Dr. Michele Troiano

 

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenti

  • a volte bisogna ascoltare i consigli,questo potrebbe essere buono.

    matteo palma 12/04/2019 9:39 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com