Lunedì 29 Novembre 2021

L’ASE cambia pelle – revisionato lo statuto aziendale adeguato alle normative vigenti

6 0

«QUESTA SELEZIONE pubblica è la prima in A.S.E. dopo decenni. L’obiettivo è aumentare la forza lavoro e quindi migliorare i servizi eseguiti per la città di Manfredonia ma soprattutto porre i lavoratori e i candidati in una condizione di diritto pubblico, superando l’eccessivo ricorso a forme di lavoro somministrato, garantendo a tutti una graduatoria, chiara e pubblica da cui attingere nei prossimi 36 mesi per le assunzioni, temporanee estive ma anche a tempo indeterminato». È la dichiarazione congiunta della Commissione straordinaria al comune di Manfredonia e dell’Amministratore unico di ASE (Azienda servizi ecologici di Manfredonia e Vieste) allegata al bando emesso nell’ambito del “Piano pluriennale dei bisogni di personale”, per la ricerca di diciassette figure, 12 operai di livello professionale “J” e 5 di livello professionale “1°/B”, dell’area spazzamento, raccolta, tutela e decoro del territorio. L’inoltro delle candidature potrà avvenire esclusivamente on-line entro e non oltre le ore 12 del 2 novembre prossimo, al sito https://www.asemanfredonia.it/trasparenza/bandi-di-concorso/. Sul sito del comune i bandi con tutte le indicazioni dei requisiti richiesti.

È QUESTO uno degli atti varati dopo quella che è stata definita “la rivoluzione legale ASE” che si identifica con l’adeguamento delle procedure amministrative in quella chiacchierata azienda, alle leggi vigenti, in particolare il decreto legislativo 175 del 2016, che ne regolano le attività e che pertanto eviteranno provvedimenti dittatoriali come, ad esempio, quell’andirivieni continuo e mortificante (sette in tre anni) di amministratori nominati o licenziati a seconda delle esigenze politico-amministrative dell’amministrazione comunale in carica, e di assunzioni e dismissioni unilaterali di dipendenti.

LA “RIVOLUZIONE” è iniziata con l’assunzione, previo concorso nazionale, dell’AU Raphael Rossi che in sintonia con i Commissari straordinari al comune, ha revisionato lo Statuto aziendale recependo le integrazioni agli atti adottati dal comune di Manfredonia e dall’ASE, rilevate dall’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) ai fini della utilizzazione della specifica piattaforma informatica attivata da Anac, nonché adeguandolo alle normative vigenti nazionali e alle direttive europee.

TRA LE INNOVAZIONI  previste nello Statuto come approvato dal Commissario straordinario con i poteri del consiglio comunale, quello riguardante l’AU che viene “nominato dall’assemblea dei soci previa selezione pubblica indetta rispettando requisiti di trasparenza nella procedura e parità di trattamento tra i candidati e indirizzata a coloro che presentano profili di esperienza e competenze maturate nell’ambito della gestione di aziende pubbliche analoghe ad ASE spa”; quello del controllo analogo sulle società partecipate regolato dai “patti parasociali” contenenti le regole di governance e di controllo analogo congiunto della Società operante secondo il modello “in house providing”.

«IL PROGETTO – annota l’AU Rossi – si prefigge di restituire all’Ase la sua funzione sociale attraverso la razionalizzazione e la stabilizzazione della governance di una Azienda dal costo di oltre dieci milioni di euro di cui 4.100 per il personale costituito da 12 impiegati, 59 operai, 16 interinali, 19 lsu. Il proponimento è quello di ottimizzare l’impegno delle risorse umane a vantaggio dei servizi prestati e dunque ridurre i costi del servizio. Al momento siamo riusciti, con la collaborazione del personale, a riordinare il trasporto rifiuti abbassando il costo del trasporto da 72 euro a 47 euro. Con l’assunzione per concorso dei 17 operai avremo una forza lavoro sufficiente per riorganizzare i servizi. Siamo sulla buona strada».

Come si vede cambiare in bene e in meglio si può (lo dimostrano anche i due proiettili di cui è stato fatto omaggio il dottor Rossi) e forse non è un caso che a muovere le acque sia stato un uomo venuto da fuori città. Giuseppe Pignatone, magistrato impegnato di prima linea, ha recentemente affermato: «Tutto può cambiare, dipende dalla volontà delle persone».

Michele Apollonio

 

 

 

 

Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO