Giovedì 11 Agosto 2022

Verso il voto: SULL’ORLO DELL’INCERTEZZA 

1 0

Chissà che alla fine della giostra non abbia ragione Gianfranco Nappi, con la sua formidabile penna del sottile ed acuto scrittore che è nel dire che, a conti fatti, “meglio perdere bene che vincere male”. Lo penso anche io, forse condizionato da vecchi geni riformisti che porto nella pelle da inguaribile assertore di un sistema proporzionale la cui mancanza è nella radice del malcostume politico dilagante nel Paese. Ma il richiamo di Nappi coglie nel segno perché nell’incerto presente quel che più preoccupa è l’incerto futuro, visto il tempo di tempesta e di fuoco che circonda l’orizzonte. E così, mentre la navigazione sembra spingere a tutta destra, serve chiedersi che fine abbia fatto la sinistra che non è riuscita in questo tempo a creare un nuovo spazio dei democratici per cambiare l’Italia, mentre riaffiorano le visioni diseducative di un berlusconismo di ritorno con quella scelta scellerata di chiudere l’esperienza governativa di Mario Draghi. Laici, socialisti, cattolici, liberali, post comunisti non sono riusciti a costruire un campo unitario, largo, mobile al suo interno, privo di steccati ideologici, collaborativo e solidale e così le destre, vecchie e nuove, hanno buttato a mare un governo per non lasciarsi scappare la più ghiotta occasione di rimettere le mani sul Paese. Ecco, quindi le sorti di un’Italia spampanata appese non tanto e non solo ad una sconfitta elettorale molto probabile ma di una rotta politica che avrà ricadute incredibilmente negative sul piano sociale e culturale. Una vicenda triste quella che va in scena in questi giorni d’estate che ha messo l’Italia e gli italiani spalle al muro per tornare alle urne, portando con se sinistri segnali, come “quell’insalata russa” che intravede Putin dietro la crisi italiana ed uno scontro politico trasferito sul fronte ucraino, insieme a tutti i sospetti,le accuse piovute su Salvini, con Forza Italia che lo difende e Giorgia Meloni che si impadronisce della bandiera atlantista. Vogliamo dire altro? Vero è che le modalità con cui è terminata la legislatura hanno messo a nudo la fragilità del nostro quadro politico. Quel gesto di non votare la fiducia a Draghi, nel quale esprimevano importanti ministri Lega , Forza Italia e Movimento Cinque Stelle manifesta il vuoto preoccupante di cultura politica nella classe dirigente di un Paese che denota l’assenza di una visione del ruolo dell’Italia e del suo futuro, come Marco Iasevoli ammette con lucidità disarmante su Avvenire parlando della cattiva politica in voga, impreparata ora ad affrontare i decisivi interventi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. La destra, ieri conservatrice e populista, oggi sovranista, ha segnato un periodo lungo della storia italiana, difficile metterlo in dubbio. E adesso quest’allegra compagnia si prepara ad incalzare gli avversari con buone chances di chiudere i conti e vincere la partita, riportando quel suo squadrone a Palazzo Chigi. Ma questo eviterà l’autocombustione di un Paese piegato su stesso? Io penso di no, perché è la storia a ricordarci che Berlusconi, per quattro volte premier, il politico rimasto in carica il più a lungo nel ruolo di presidente del Consiglio, superato solo da Mussolini e Giolitti, porta la responsabilità di questo sfascio, con il sostegno esterno di Giuseppe Conte, figura improbabile quanto avventuriera della politica. D’altro canto l’attuale sistema elettorale non permette vie d’uscita dal culo di sacco in cui ci siamo cacciati. Queste elezioni segneranno anche una vera corsa ad ostacoli per chi ancora crede di non dover gettare la spugna per la speranza di un’Italia migliore. Le alleanze limiteranno i danni, salveranno pure qualche protagonista di una sfida già segnata. Ci proveranno Bruno Tabacci, Carlo Calenda, Matteo Renzi, e in Puglia Michele Emiliano, Raffaele Piemontese e Massimo Cassano con i suoi popolari. Ma è tutto in una salita ripida, insidiosa.

di Micky dè Finis

Articolo presente in:
News · Venti ed Eventi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

MANFREDONIA VIDEO