Sabato 13 Luglio 2024

“Adesso basta”!, sciopero generale di Cgil e Uil venerdì 17 novembre. A Foggia manifestazione sotto la Prefettura dalle ore 9.30

0 0

“Dentro un quadro di crisi diffusa che colpisce a livello nazionale soprattutto lavoratori e pensionati, che hanno visto erosi i propri redditi da inflazione e caro energia e assistono a pericolosi tagli al sistema sanitario nazionale, la condizione sociale in Capitanata ancor più reclama un protagonismo del mondo del lavoro che pretende interventi a sostegno dello sviluppo, per creare opportunità occupazionale e irrobustire le reti di protezione sociale”. Spiegano così le ragioni dello sciopero generale il segretario generale della Cgil di Foggia, Maurizio Carmeno, e il coordinatore Uil Puglia, Sede di Foggia, Luca Maggio, che le due confederazioni hanno indetto contro la manovra economica del Governo per venerdì 17 novembre, con manifestazione e presidio sotto la Prefettura di Foggia dalle ore 9.30 alle ore 12.30.

“Scioperiamo a sostegno di un’altra politica economica e un altro paradigma sociale, a fronte di una legge di bilancio del Governo Meloni che non dà risposte alle emergenze di questo Paese – affermano Carmeno e Maggio -. Nessuna risposta all’emergenza salariale, che si fa sentire ancor più forte in territori come il nostro dove prevalgono settori produttivi a basso valore aggiunto e bassa specializzazione. Mentre le povertà aumentano si tagliano la sanità e la scuola pubblica, non si investe sulla pubblica amministrazione che è essa stessa elemento di sviluppo territoriale, non si cancella come promesso anzi si peggiora la Legge Fornero sulle pensioni. E invece di perseguire politiche di ridistribuzione della ricchezza si adottano provvedimenti di politica fiscale che favoriscono chi ha di più e gli evasori, così che lavoratori e pensionati si ritrovano a pagare più tasse di chi ha rendite finanziarie e immobiliari e detiene grandi patrimoni. Perché durante anche durante la crisi c’è chi si è arricchito e chi paga più di tutti: salariati, pensionati i giovani”.

Alcuni dati sulla crisi economica e sociale della Capitanata
Una provincia dove il primo diritto a dover essere garantito è quello stesso a una occupazione e un reddito dignitoso: nel 2022 il saldo tra attivazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro è stato appena di 1.400 unità. Dei 194.623 contratti attivati, oltre 183mila erano però a tempo determinato o comunque precari e atipici. Con un evidente gap di genere che vede le donne estremamente penalizzate, se è vero che i rapporti attivati per i maschi sono stati il doppio (133mila contro 61mila). I rapporti di lavoro cessati nel 2022 sono stati 193.214, di questi 116mila non ha avuto durata superiore ai tre mesi (65mila addirittura inferiori ai 30 giorni). Prevalentemente rapporti stagionali in settori – prevalgono agricoltura e servizi – dove più bassi sono i salari, più intermittente il lavoro e che registrano elevati tassi di sfruttamento ed elusione contrattuale.

Il tasso di occupazione nell’ultimo trimestre del 2022 in Capitanata era appena del 47,8%, il 16,6% il tasso di disoccupazione con il 69,5% disoccupato di lunga durata, ovvero in quella condizione da oltre un anno. Una sfiducia a trovarlo un lavoro dignitoso che spinge al 42,4% il tasso di inattività e che relega nella condizione di esser fuori da percorsi di lavoro o formazione il 27,9% di giovani – i cosiddetti Neet – tra i 15 e i 29 anni.

Una condizione di contesto che spinge alla necessità di emigrare per trovare opportunità e spendere il proprio bagaglio di conoscenze: solo nei tre anni che vanno dal 2019 al 2021, hanno cancellato la propria residenza dalla Capitanata oltre 32mila persone, verso altre regioni o l’estero.

“Dal Governo nessuna risposta su salari, pensioni, fisco, sviluppo, giovani”

Basta scorrere gli indicatori della Capitanata per comprendere le difficoltà che vive questo territorio, “e della necessità che avrebbe di politiche di investimento sia sul versante economico che sociale, a partire dalla messa a terra dei progetti legati al Pnrr, al Fondo Sviluppo e Coesione, di fatto commissariati dal Governo. Con tutte le complessità di contesto per un territorio dove forte è la presenza della criminalità organizzata e dove i principali comuni – a partire da quello capoluogo – ha visto sciolte le amministrazioni per infiltrazioni mafiose”, sottolineano i due dirigenti sindacali. “A chi accusa di sciopero politico rispondiamo che non si conosce la condizione del Paese, le difficoltà che vivono le famiglie, specie a queste latitudini”, affermano Carmeno e Maggio . “Adesso basta!”, come recita lo slogan della mobilitazione: “Altro che sciopero per fare un week end lungo: in troppi nemmeno lo hanno un lavoro, chi aderisce ci rimette parte dello stipendio, e magari il sabato e la domenica è regolarmente al suo posto di lavoro, che sia un medico, un insegnante, un ferroviere. Il nostro è uno sciopero che parla a tutta la società e non afferma le ragioni di chi lavora ma di tutti, a difesa dei servizi pubblici essenziali e per opportunità di crescita individuale e collettiva”.

Articolo presente in:
Capitanata · Comunicati · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com