Domenica 21 Aprile 2024

Le nostre tradizioni “in legno”

0 0

“Core de femmene e ppìzzeche de fechedìgne pòngechene sémbe, cume li pigghja pigghje” – “Cuore di donna e pala di fico d’India (cladodio) pungono sempre, comunque li prendi”. I versi scritti dal prof. Elio Guerra, classe 1940, accompagnano la sua scultura lignea lavorata artigianalmente con maestria e dovizia di particolari nel realizzare il fico d’India dai vividi colori dell’estate.

I versi della poesia saranno pubblicati nella raccolta, in fase di ultimazione, dei “Proverbi, testi popolari e preghiere” del prof. Pasquale Caratù e del dott. Matteo Rinaldi. Tutte le sculture del professor Guerra, esposte nell’antica e storica drogheria “Viscardi”, rappresentano idee, sentimenti, tradizioni e figure tratte dalla quotidianità della vita e dal paesaggio del nostro territorio. Sugli scaffali appaiono diverse sculture: l’intreccio di serpenti che stringono il “popolino” nel pugno di ferro della politica, il volto soave e umile di San Pio che fuoriesce dal tronco di un ulivo, la figura di un’aquila che sovrasta le alture, il polpo avviluppato nei suoi lunghi tentacoli, i due volti prorompenti di Brooke e Ridge della soap-opera Beautiful, e da non tralasciare il ritratto dello scultore con sua moglie. E’ impossibile descrivere in poche righe tutte le sculture lignee perché sono circa quattrocento e ci vorrebbe davvero un libro per raccontarne la loro storia.

Inoltre occorrerebbe un locale adeguato per poterle ammirare nei particolari, infatti, a tal proposito abbiamo chiesto al prof. Guerra se avesse mai esposto in una mostra le sue “creature”, così come lui stesso le definisce. Qualche scultura fu esposta, circa vent’anni a Manfredonia, nella “Mostra dell’artigianato”, evento che raccoglieva tanti capolavori dell’artigianato pugliese e internazionale. Peccato che non venga più riproposta perché valorizzava gli “antichi mestieri” che oggi potrebbero rinvigorire l’economia locale in questo periodo di crisi globale. Nel 2002 la scultura rappresentante “il Presepio” vinse il primo premio dall’Associazione “Amici del Presepio di Manfredonia”.

Il sig. Elio, professore di matematica, da tempo in pensione, non ha mai abbandonato la sua passione per la lavorazione del legno tant’è che continua a realizzare, con pazienza e tanto amore, le sue sculture di legno d’ulivo. Non ci resta che ammirare le sue sculture dall’alto degli scaffali della drogheria “Viscardi” nell’attesa che qualche istituzione o associazione voglia valorizzare le sue creazioni, cosicché le nuove generazioni possano comprendere l’importanza dell’artigianato rappresentante le tradizioni e la storia del nostro paese.

Grazia Amoruso

Articolo presente in:
News

Commenti

  • Sculture bellissime e create con tanta passione e amore! Ho avuto la fortuna di vederle personalmente e sentire le spiegazioni di qualche opera! E vedere sopratutto attraverso gli occhi dello scultore, ciò che esse simboleggiavano! Bravo zio Elio..

    Sarda 10/02/2014 22:22 Rispondi
  • Forse è utile ricordare che non tutte le opere esposte nella drogheria sono state realizzate dal professore Elio,tante sono anche opere di anonimi scultori Sipontini di nome e di fatto ! Comunque complimenti al professore per aver curato e preservato così tanta bellezza e così tanta arte in legno di artisti Manfredoniani !!

    sipontino 04/02/2014 12:09 Rispondi
    • Posso assicurare con assoluta certezza che tutte le sculture esposte all’interno della drogheria “Viscardi” sono frutto della creatività e della mano del professore.
      Sculture che lo stesso custodisce gelosamente rifiutando qualsiasi proposta di vendita.

      Di sicuro nel territorio sipontino ci sono altri bravi scultori, forse ignoti, ma le loro opere non sono esposte nella drogheria, che non è’ una mostra ma un esercizio commerciale di proprietà del professore.

      Questo mi premeva sottolineare.

      Sipontina 04/02/2014 21:59 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com