Sabato 4 Febbraio 2023

Vieste, violenze contro medici: “Finita la luna di miele, ricominciano le aggressioni al personale sanitario”

2 0

<Siamo da sempre impegnati  in prima linea contro la violenza sugli operatori sanitari. Esprimiamo, per questo,piena solidarietà  e vicinanza al collega che, durante il turno di servizio presso la sede di Continuità Assistenziale di Vieste (FG) nella notte del 14 maggio 2020, ha subito minacce verbali e gravi danni alla propria autovettura da parte di un utente, noto frequent attender (un paziente che si reca per almeno molte volte presso gli ambulatori di medicina generale e di continuità assisenziale  nell’arco di un anno)  e probabilmente sotto effetto di farmaci>  così, in una dichiarazione, Giuseppina Rotunno, Responsabile Regionale della Continuità Assistenziale  del Sindacato Medici Italiani della  Puglia, commenta l’aggressione al medico di Vieste.

 

<Il motivo dell’aggressione e dei danneggiamenti all’auto è legato al  rifiuto della prescrizione di un farmaco che il paziente periodicamente ed impropriamente pretendeva dal servizio di Continuità Assistenziale, non presentando alcuna indicazione o referto specialistico che ne giustificasse l’utilizzo>, continua Rotunno.

 

<Il rispetto delle norme vigenti e l’assenza di un fascicolo elettronico attivato in sede di Continuità Assistenziale hanno portato il collega medico  a rifiutare l’ennesima richiesta impropria di prescrizione, scatenando gesti di estrema violenza da parte dell’utente>.

<L’assistenza sanitaria sul territorio sarà sempre uno terreno estremamente pericoloso per i medici che vi operano, finchè lo Stato non decidera’ seriamente di tutelare un servizio essenziale come quello della Continuità Assistenziale, e tutti gli operatori che rischiano la propria vita lavorandoci. Ribadiamo un concetto tanto semplice quanto purtroppo non scontato: a fine turno vogliamo tornare a casa sani e salvi!>.

 

<La sicurezza di chi esercita la professione medica e sanitaria è diventata una questione nazionale, drammaticamente attuale e rappresentativa di una grave regressione sociale e culturale del nostro Paese.La proposta di legge ‘Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni’ in via di approvazione alla Camera dei Deputati  può rappresentare  un primo inizio per aprire un nuovo  rapporto, in Puglia e in tutta Italia, tra medici e utenti/pazienti>.

 

<Rimettere la salute, la sanità, il personale sanitario e medico, alla luce  dell’epidemia di coronavirus,  in cima alle priorità politiche del nostro Paese, è questa la scelta, qui ed ora, che bisogna compiere.Per  difendere, una volta e per tutte, questi professionisti perché rappresentano un bene comune, per la tutela della salute di persone in cerca di aiuto e di cure> conclude la sindacalista del SMI.

Articolo presente in:
Comunicati · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO