Domenica 19 Settembre 2021

L’odissea dei parcheggi a pagamento a Manfredonia

0 1

Di odissee Manfredonia ne potrebbe raccontare tante, tantissime, in tutti i settori della sua economia, dei luoghi e servizi pubblici. Il dissesto finanziario che sta affrontando Manfredonia non può essere sempre e solo giustificato dalle ridotte risorse provenienti dallo Stato centrale ma, crediamo sia stato certificato come l’effetto di una gestione sprovveduta e irresponsabile di una classe politica che, come cittadini, siamo stati a guardare per oltre 20 anni, mentre ci mandava al tracollo. La gestione dei parcheggi a pagamento avrebbe potuto dare un po’ di ossigeno alle povere casse comunali. Una formula ormai diffusa un po’ in tutte le città ma anche nei piccoli paesini che sono riusciti a barcamenarsi nella burocrazia per regolamentare la sosta delle auto e soprattutto per fare cassa. Risorse riutilizzate per fornire servizi pubblici. Il servizio dei parcheggi a pagamento è stato sempre un compito affidato al settore di Polizia Locale che storicamente ha gestito la materia in quanto unico settore che gestisce l’applicazione del codice della strada. Nel luglio del 2016 dell’Amministrazione Comunale fece istruire dall’ufficio tecnico, le aree urbane da destinare a parcheggio a pagamento senza custodia affidando in prova il servizio senza espletamento di gara di appalto. Iter non approvato dalla segreteria generale che portò la giunta comunale ad approvare il regolamento sui parcheggi nel gennaio 2018 e a stilare i criteri di affidamento a bando del servizio pubblico nel febbraio 2019. Le dimissioni del Sindaco dell’epoca, il commissariamento poi, rallentarono l’iter di affidamento del servizio che all’inizio dell’estate del 2019 si cercò di far partire con un avviso pubblico inerente la manifestazione di interesse per la rivendita dei biglietti o i tagliandi di parcheggio. Lo scopo che ci si prefiggeva era quello di rendere attivi subito i parcheggi. Ma nel frattempo si scopre che le aree del lungomare affidate in concessione al Comune di Manfredonia dal demanio per un canone di 17 mila euro, erano state restituite allo stesso probabilmente per risparmiare. Scelta non troppo meditata visto che la gestione dei parcheggi sul tratto costiero avrebbe reso molto di più dei pochi 17 mila euro. Oggi il Comune non può usare le aree del lungomare di competenza del demanio fino a quando non si definirà una nuova concessione demaniale o se si aprirà una nuova finestra di federalismo demaniale che consenta ad alcune aree demaniali di passare sotto la competenza dei comuni così come è avvenuto per il parcheggio di largo Baselice, oggi di gestione comunale. A fine anno 2019 si provvede ad esplicitare i bandi per la concessione del servizio che in questi giorni è stato aggiudicato alla Publiparking srl di Roma per cinque anni. Sarà a sua cura l’istallazione delle colonnine ed il controllo nel rispetto del pagamento del posteggio pubblico. Il piano dei parcheggi prevede circa 2000 posti auto ed il Comune introiterà il 52,50% degli incassi stimati in circa 560 mila euro l’anno pari a 3 milioni di euro per i 5 anni di concessione. Al termine della concessione le colonnine diventeranno di proprietà del Comune. In corso gli ultimi iter burocratici che dovrebbero far partire il servizio di parcheggio a pagamento non custodito entro la fine dell’anno. Sono all’opera anche gli uffici del demanio e portuali per risolvere la questione delle aree non utilizzabili che porterebbero a 2500 i posti auto a pagamento. Abbandonato a se stesso il parcheggio “Miramare”, pare di competenza del Comune e quindi dell’ASE. Parcheggio vicino il molo di tramontana, nel cuore della città, nei pressi del Comune e di rinomati ristoranti. Uno scempio di distrazione e non curanza che arricchisce in negativo le proposte turistiche della nostra bella ma imbruttita Manfredonia, senza un punto informazione per i turisti e con i monumenti aperti a singhiozzo. Speriamo in tempi migliori.

Raffaele di Sabato

 

Parcheggio Miramare_ Manfredonia

 

Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO