Mercoledì 1 Febbraio 2023

Natale…in maschera

0 0

Adottate drastiche misure per prevenire il Covid

L’ULTIMO rilevamento al 14 dicembre scorso del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile per l’emergenza COVID-19, riporta 179 persone in isolamento fiduciario di cui 70 positivi e 109 in quarantena. Il 4 dicembre i numeri erano rispettivamente: 75 in isolamento, 48 positivi e 27 in quarantena. E’ fin troppo chiara la escalation della pandemia da Covid 19 che, date le premesse e le situazioni ambientali della città, proseguirà non si sa come e fin dove.

SIAMO ben lontani dai mesi micidiali del 2020 e del 2021 nei quali anche a Manfredonia i dati di riferimento della pandemia erano a tre e spesso a quattro cifre tanto da essere classificata “zona rossa”. Con forti restrizioni e sacrifici, la gente è riuscita a superare il peggio favorita anche dalla bella stagione che ha fatto da filtro e ostacolo al virus. Ma ora col ritorno all’inverno, il perfidio Covid ha ripreso vigore e ricominciato a galoppare.

NATURALMENTE quello di Manfredonia non è un caso a sé, al contrario. Nel mondo la pandemia sospinta dalle diverse trasformazioni del feroce virus, si è nuovamente diffusa mietendo vittime a centinaia, in alcuni casi a migliaia. L’allerta generale è al massimo. I Governi dei vari Paesi coinvolti dalla bufera Covid, hanno messo in campo misure precauzionali drastiche e perentorie. Il Governo italiano ha approvato un decreto-legge che prevede la proroga dello stato di emergenza nazionale e delle misure per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 fino al 31 marzo 2022. Tra le norme confermate in vigore quelle relative all’impiego del Green Pass e del Green Pass rafforzato e ai test antigenici rapidi gratuiti e a prezzi calmierati. Il decreto stabilisce, infine, l’estensione, sino al 31 marzo 2022, della norma secondo cui il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in zona bianca per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla.

IN CONFORMITA’ del Decreto legge governativo, il sindaco di Manfredonia Rotice, ha emesso una ordinanza contenente misure urgenti e necessarie al fini di contenere la diffusione del Covid 19 in città e dunque di rimanere “zona bianca”. In particolare ordina di indossare la ormai fatidica e familiare “mascherina” ininterrottamente fino al 6 gennaio 2022 nelle vie e nelle piazze del centro (nell’ordinanza sono specificate singolarmente) ma anche in tutti i luoghi in cui si verificano assembramenti. Sarà insomma un Natale in…maschera ma più in sicurezza.

MA LA SPINTA più efficace a tenere lontano il maligno Covid, la sta dando la popolazione sottoponendosi in modo spontaneo e convito alla vaccinazione. La paura alimentata dall’esperienza passata ha convinto anche i più riottosi e scettici a porgere il braccio alla siringa salvatrice. Il Centro vaccinale presso la chiesa Sacra Famiglia lavora a pieno ritmo. Agli adulti si sono aggiunti anche i ragazzi da 5 a 11 anni. Per loro sono stati attrezzati centri vaccinali nelle varie scuole. «Le famiglie hanno risposto con entusiasmo all’invito a vaccinare i propri figli» rileva Francesco De Palma, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Ungaretti-Madre Tersa di Calcutta. «È un incoraggiante segnale – annota – che viene dai più giovani e lascia larghi spazi all’ottimismo».

C’È INSOMMA un approccio più consapevole e agguerrito nel contrasto al Covid in un contesto nel quale ai residenti si sono aggiunti tantissimi turisti e forestieri attratti dalle splendide luminarie artistiche che tappezzano la città trasformandola in un crogiolo di luci e colori di straordinario effetto. Un miscuglio di umanità vogliosa di guardare a queste festività natalizie con serenità e fiducia a dispetto del Covid.

  Michele Apollonio

 

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO