Sabato 13 Luglio 2024

“Andate via da casa mia o vi ammazzo": tragedia sfiorata, arrestata per tentato omicidio 43enne a Manfredonia

0 0

“Andate via da casa mia o vi ammazzo !”. In poco tempo è passata però dalle parole ai fatti. Nella mattinata di ieri è stata sfiorata una tragedia familiare, che è stata sventata solo grazie alla prontezza di un passante e al successivo intervento di una Volante della Polizia,.
I fatti risalgono alla mattinata di ieri quando 3 donne si erano recate presso l’abitazione del fratello, ricoverato in ospedale, per effettuare delle pulizie poichè a breve il loro familiare sarebbe stato dimesso. All’interno dell’abitazione vi era la signora Lomuscio Maria Cristina 43enne originaria di Zapponeta, convivente del fratello delle signore, alla quale le donne manifestavano la loro intenzione.
La Lomuscio usciva di casa e puntava il coltello alla gola di una delle tre, minacciando che qualora fossero entrate in casa le avrebbe ammazzate. A questo una delle due sorelle al fine di evitare conseguenze peggiori interveniva cercando di disarmare la Lomuscio la quale per tutta risposta sferrava alcuni fendenti uno dei quali attingeva il braccio sinistro di una delle donne. Le tre donne terrorizzate (una delle tre ferite e sanguinante), cercavano di scappare ma venivano inseguite dalla Lomuscio che continuava a brandire il coltello. La scena notata da un passante che interveniva e tentava di far desistere la donna dal suo intento, immediatamente ricevendo man forte dalla Volante del Commissariato intervenuta che rinveniva il coltello ancora intriso di sangue e provvedeva ad accompagnare la Lomuscio presso questi uffici per gli accertamenti del caso, e a soccorrere la ferita.. A seguito degli accertamenti svolti e viste le ferite riportate da una delle donne, con prognosi di giorni 25 e successivo ricovero nel reparto di ortopedia del locale nosocomio per probabile recisione del tendine, la donna veniva dichiarata in stato di arresto per tentato omicidio ed associata alla casa circondariale di Foggia a disposizione della A.G.
Alla base del folle gesto, vi sarebbero dei precedenti dissidi familiari fra le tre donne e la convivente del fratello.

Articolo presente in:
Cronaca

Commenti

  • spero che quella donna anche se e’ un eufemismo chiamarla cosi possa rimanere dentro per anni e possa rendersi conto di quello che ha fatto…auguro pronta guarigione alla donna ferita

    matteo 15/02/2014 11:25 Rispondi
  • Povera famiglia.

    Il giusto 14/02/2014 14:32 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com