Domenica 16 Giugno 2024

Peppinella: un pezzo di storia sipontina nel canale della Manica (di Maria Teresa Valente)

2 0
Era il 1958 quando la città di Manfredonia affidò ad una piccola nave mercantile, il Peppinella, il sogno di un riscatto economico che si sperava potesse arrivare dai traffici commerciali con l’estero.
Nel suo viaggio inaugurale, invece, accadde l’irreparabile. Era ancora notte fonda quando il Peppinella stava lentamente attraversando il canale della Manica, tra Francia e Inghilterra, avvolto dalla nebbia. Ma a circa una ventina di miglia dalla costa inglese, fu improvvisamente speronato da un cargo norvegese, il Sun Oak, di stazza dieci volte maggiore.
“Erano le 4,30 e stavo preparando il caffè, quando fui sbalzato da un violento scossone”, ha ricordato in un’intervista Paolo D’Angelo, fondatore dell’AVIS di Manfredonia scomparso pochi anni fa ed all’epoca cuoco di bordo sul Peppinella. “Ci rendemmo subito conto di quello che era successo dall’inclinazione che la nave assunse e dell’acqua che invadeva velocemente la nave”.
In soli sette minuti il Peppinella colò a picco con il suo carico di ferro, trascinando a fondo le speranze di una città desiderosa allora come oggi di fare del proprio mare il suo punto di forza. La storia del Peppinella ebbe risonanza mondiale e finì anche sulla prima pagina dello speciale settimanale a colori del Corriere della Sera, poiché il suo eroico comandante, il triestino Giuseppe Martinovich, dopo essersi assicurato che tutti i 18 uomini dell’equipaggio si fossero messi in salvo, da vecchio lupo di mare e uomo d’altri tempi rimase a bordo e, sopraffatto da un’onda improvvisa, scomparve per sempre tra i flutti insieme alla sua nave.
Gli uomini dell’equipaggio si salvarono grazie anche all’audacia di Paolo D’Angelo, all’epoca poco più che ventenne, che quando il cargo norvegese calò una scialuppa di salvataggio aiutò tutti i suoi compagni a raggiungerla a nuoto.
Sono venuta a conoscenza di questa incredibile storia, dal sapore amaro e triste, soltanto alla morte di Paolo ‘Siccione’ D’Angelo. La mia curiosità mi ha spinta a fare ricerche nell’immenso ‘mare’ di internet ed ho trovato (ed acquistato) le foto del relitto del Peppinella che giace ancora oggi adagiato sul fondale della Manica, a trenta metri di profondità, col suo comandante. Questo pezzo di storia sipontina è enormemente apprezzato dai sub ai quali regala un affascinante spettacolo.
Il Peppinella, dicevamo, è ancora lì, ma i sogni di un futuro migliore per Manfredonia, ne sono sicura, non sono naufragati quel giorno, ma appartengono ancora a tutti i sipontini.
Maria Teresa Valente
I 18 uomini dell’equipaggio, 16 dei quali erano di Manfredonia:
– Luigi Castriotta (1° ufficiale)
– Vincenzo Messina (capo macchinista)
– Francesco Guglielmi (1° macchinista)
– Salvatore Ricucci (3° macchinista)
– Paolo D’Angelo (cuoco)
– Leonardo Paladino
– Antonio Guerra
– Pasquale Bottalico
– Antonio Brigida (marinai)
– Matteo Iaccarino
– Matteo Conoscitore
– Matteo Esposto (giovani)
– Francesco Ciuffreda
– Antonio Bordo
– Giuseppe Di Lorenzo (fuochisti)
– Domenico Palumbo (mozzo)
– Luigi Formisano ( 2° ufficiale, di Torre del Greco)
– Angelo Di Pinto (2° macchinista, di Noicattaro)
Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com