Sabato 15 Giugno 2024

Cartullîne (da Mambredonje)

0 0

Mére, spiagge, nu bèlle castille, règge, sîa pûre pe pôche, de nu angôre chiù bèlle rè (“Bionde e de gendîle aspètte”, acchessì l’appètte Dande nd’a nu cande; acchessì l’è viste je na notte de lûna chiône, putèvene jèsse i dûje, mèndre salutéve dau triône nu uagnungille pa faccèlla cûpe ca faciôve i zôche pa sciabbîchèlle “i mûpe”) e po’, pôche chiù là, passanne pa tèrra gialle, cûme na mamme pi vrazze apirte, u purte pe tande de giajande de lendèrne ca, pe l’ucchje lôstre, accumbagne i varche angôre mèzze assunnéte ca fanne vôle. Già quèste avaste a tàzzeché u côre au chiù satôrne di mostre; se po’ ce mettîme pûre i mille cûlûre du sôle appône assûte, u vule e u scamelizzje di caggéne, u sfruffe da sicce a lu cuppe ngacce, i rizze e a lardîchèlle sôpe u scugghje e a bavètte de levande c’accarèzze i tigne, l’ucchje ce mbonne, l’àneme ce squaquagghje. Quétre chiù bèlle au mónne nenn’èsiste! Smanje ji, chiuve fisse, sunne d’ogne artiste dègne de stu nôme. E sunne sarrà stéte pe chi l’ho fatte; sunne pe chi ca vôte lu dîtratte; vande pe tutte quande nûje; dune, pe mè, de l’amôre de Dîje. A dirle pe na canzône de quande iôve uagnône:

“Se stèsse mbaravise mbrazze a Criste

e nen vèdesse a jèsse me ne jarrîje;

se stèsse au mbirne e la vedèsse a custe,

u mbirne paravîse pe mè sarrîje”.

Franco Pinto

 

Cartolina (da Manfredonia): Mare, spiaggia, un bel castello, reggia, sia pure per poco, di un ancor più bel re (“Biondo e di gentile aspetto” così lo dipinge Dante in un canto; così l’ho visto io una notte di luna piena, potevano essere le due, mentre salutava dal torrione un ragazzino con la faccina cupa che ammatassava le funi per la sciabica “dei mupi*”) e poi, poco più là, passando per la terra gialla, come una mamma con le braccia spalancate, il porto con tanto di faro gigantesco che, con l’occhio lucente, accompagna le barche ancora mezzo assonnate al largo. Già questo basta a toccare il cuore al più insensibile dei mostri; se poi ci aggiungiamo anche i mille colori del sole appena sorto, il volo e lo schiamazzo dei gabbiani, il profumo dell’alga riccia, lo sbruffo della seppia al retino a caccia, i ricci e l’anemone di mare sullo scoglio e la brezza di levante che accarezza le tempie, l’occhio si bagna, l’anima si scioglie. Quadro più bello al mondo non esiste! È smania, chiodo fisso, sogno di ogni artista degno di questo nome. E sogno sarà stato per chi l’ha fatto; sogno per chi guarda la sua immagine; vanto per tutti noi; dono, per me, dell’amore di Dio. A dirlo con una canzone di quando ero bambino: “Se fossi in paradiso tra le braccia di Cristo / e non vedessi lei, me ne andrei; / se fossi all’inferno e la vedessi accanto, / l’inferno paradiso per me sarebbe”.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

*Soprannome dei proprietari della sciabica che lavoravano solo ed esclusivamente sulla spiaggia di Manfredonia

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com