Sabato 4 Febbraio 2023

U manopattîne

0 0

Na matîne d’abbrîle du cînguande, nu uagnône de… sètt’ànne, pènze (m’arrîcorde ca faciôve a seconde e pa scôle ce ne iôve de sinze) fèrme a candône, uarde fisse ngandéte, chió de nu giovene pe na bèlla fîgghjôle, dûje spezzûne de tavele d’abbôte, fôre a putôje, spannûte a lu sôle, misse dau mastre, pe l’ate, a ’ssîcché. L’avôve pundéte già da parècchje, ma déte ca nen tenôve solde pe putirle accatté (ma quèste pe jisse ji storia vècchje viste ca alla chése si e no ce mangéve) li venètte u malepenzire d’arrubbarle. Avì nu manopattîne sûve iôve nu desîdèrje troppe granne pe nen farle. Mèndre penzève a cûme e quanne, sènde na vôce alli spalle ca li dîce: “Uaglió e tô che fé qua?” E u uagnône: “Pecchè, bellô, nen ge pozze sté? A stréte ji la tôve?” “Ci, ci, nen te analtaranne – rîpîgghjatte a dîce l’ôme – je u sacce quèdde ca te passe pa chépe, so’ stéte uagnône pûre je. Facîme acchessì: je te déche i tavele e pûre a ferratûre e i cuscînètte pe fé u manopattîne e tó m’aiûte a mè pe na settiméne nd’a putôje. Je so’ u mastre. Che ne dîce?” U uagnône, tutte cundènde accètte. Dôpe na settîméne u manopattîne iôve pronde e u jurne apprisse l’avrîje putîte prué. Arrîvéte alla chése, pèrò, l’aspètte na malanutizzje: all’èx brôtte iôve morte a nonne ca durmôve nzipe jisse. Enòtele ca ve stéche a dîce u chiande ca ce ho fatte. U jurne apprisse ca l’avèvena suttèrré venètte a sapì ca la casce a mettove u munîcipje ma pe quande rîguardéve a crôce ce avôve penzé a famigghje se nen vulévene ca i mettèvene na crôce de firre pe nu nômbre. U uagnône, sènza penzarce dôje volte, pigghje u monopattîne appône fînîte e tande penéte, u smonde e pi dôje tavele fé na crôce dîsegnanne ngîme au léte a virse nu ramètte d’aulîve e a travirse: Furtunéta Guidône. Côste iôve da nonne u nôme, e Franghîne Pinde côdde du uagnône mastredasce. Iôve destîne!

Franco Pinto

Il monopattino: Una mattina d’aprile del Cinquanta, un bambino di… sette anni, credo (mi ricordo che faceva la seconda e andava matto per la scuola), fermo in un angolo, guarda fisso incantato, peggio di un giovanotto con una bella ragazza, due pezzi di tavola di abete, all’esterno della bottega stesi al sole, messi lì dal falegname con altri ad asciugare. Li aveva puntati già da parecchio, ma non avendo soldi per poterli comprare (ma questo per lui era storia vecchia, visto che a casa sua a malapena si mangiava), gli venne la tentazione di rubarle. Avere un monopattino tutto suo era un desiderio troppo grande per desistere. Mentre pensava come e quando, sente una voce alle sue spalle che gli dice: “ “Ragazzino, e tu cosa fai qui?” E il ragazzino: “ Perché, signore, non ci posso stare? La strada è tua?” “Calma, calma, non ti alterare – disse l’uomo. – Lo so cosa ti passa per la testa, sono stato bambino anch’io. Facciamo così: io ti do le tavole e anche la cerniera e i cuscinetti per costruire il monopattino e tu mi aiuti per una settimana in bottega. Io sono il falegname. Che ne dici?” Il ragazzino, tutto contento, accetta. Dopo una settimana il monopattino era pronto e il giorno dopo l’avrebbe potuto provare. Arrivato a casa, però, l’aspetta una brutta notizia: ex abrupto era morta la nonna, che dormiva con lui. Inutile che vi racconti i pianti che si fece. Il giorno dopo che dovevano seppellirla, venne a sapere che la bara la forniva il comune, ma per quanto riguarda la croce ci avrebbe dovuto pensare la famiglia, se non volevano che le mettessero una croce di ferro con un numero . Il bambino, senza pensarci due volte, prende il monopattino appena finito e tanto sofferto, lo smonta e con le due tavole costruisce una croce, disegnando in alto in verticale un rametto di olivo e sul lato orizzontale: Fortunata Guidone, questo era il nome della nonna, e Franchino Pinto quello del bambino falegname. Era destino!

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO