Lunedì 27 Maggio 2024

M5S: il Tar respinge la richiesta di sospensiva, ora Riccardi sia coerente e lasci la presidenza ASI

15 1

Ora Angelo Riccardi cosa farà?
Sarà coerente, una volta tanto, e lascerà la Presidenza del Consorzio ASI Foggia?
Oppure, come Renzi, dopo aver annunciato la rinuncia in caso di respingimento della richiesta di sospensiva, si rimangerà quanto dichiarato, spavaldamente, alla stampa: “Il 13 settembre ci sarà il giudizio del Tar e questastoria sarà finalmente conclusa. Se confermerà la inconferibilità, lascerò”.
Il Tar, esprimendosi, lascia tutto immutato fino all’udienza di merito, pertanto, la delibera dell’ ANAC PRODUCE I SUOI EFFETTI.
Tradotto: La carica di Presidente ASI non può essere conferita a RICCARDI, che essendo incompatibile con tale carica DEVE LASCIARLA.
E’ opportuno ricordare, ancora una volta, che l’ANAC (Autorità NazionaleAnticorruzione), a firma del Presidente Raffaele Cantone, in una nota inviata al deputato Antonio Tasso (n.59746 del 6/7/2018) – su richiesta dello stesso e dei consiglieri comunali del M5S di Manfredonia, Gianni Fiore e Massimiliano Ritucci – chiarì definitivamente che “…il Responsabile Prevenzione Corruzione e Trasparenza ASI FOGGIA, deve adottare tutte le misure conseguenti aquanto accertato con la delibera ANAC n. 453 del 9/5/2018”, cioè rimuovere Angelo Riccardi dalla carica di Presidente ASI Foggia, in quanto, quest’ultima,inconferibile.
Il sindaco di Manfredonia, coadiuvato da Michelarcangelo Marseglia (RCPT Asi Foggia), ha fatto di tutto per aggirare la disposizione dell’ANAC, fino a dichiarare che tale delibera costituiva un “abuso di potere” del suo Presidente,Raffaele Cantone.
Anche il suo ultimo tentativo di “tenersi a galla” è andato a scontrarsi contro la giustizia (TAR Lazio) che, con Ordinanza n.09336/2018 r.p.c. e n.07699/2018 reg.ric., ha rigettato la richiesta per l’ottenimento di “idonee misure cautelari”(sospensiva) presentata da Riccardi.
Ribadiamo la domanda:
Riccardi si mostrerà coerente con le sue dichiarazioni o emulerà Matteo Renzi? Anche perché, se non sarà Riccardi a lasciare spontaneamente, è legittimo aspettarsi un intervento tempestivo sia dal Responsabile anticorruzione dell’ASI Foggia (Marseglia), che dall’assessore regionale alle attività produttive Nunziante (ex Prefetto) e dallo stesso Emiliano, Governatore della Puglia (magistrato in aspettativa).
Ignorando quanto disposto dalla massima autorità nazionale anticorruzione, per quanto di propria competenza, Marseglia, Nunziante ed Emiliano, si rederebbero corresponsabili di tale situazione.
Lo sapremo in tempi brevi.

MOVIMENTO 5 STELLE MANFREDONIA

Articolo presente in:
Comunicati · News · Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com