Mercoledì 21 Aprile 2021

Per non dimenticare, anniversario dell’inaugurazione del Piazzale Marinai d’Italia e nuova sede dell’ANMI

0 0

11 Dicembre 2004

Sono trascorsi 16 anni da quegli eventi. In onore e soprattutto a ricordo dei Soci che all’epoca contribuirono con spirito  di abnegazione alla realizzazione di quelle opere, si ha il dovere di riportare poche righe  a perenne memoria delle loro famiglie e dei nostri concittadini.

Ricordare i vari eventi che hanno dato vita a una associazione d’arma è un modo costruttivo di rivivere quei determinati momenti, così fondamentali per poter rileggere la situazione, per poter riflettere secondo nuove prospettive e per poter convivere emozioni nuove con quelle provate allora.

         E’ necessario celebrare i vari anniversari per mantenere in allenamento la nostra mente e per non rischiare di cedere alla tentazione talvolta comoda e apparentemente dannosa della rimozione. Gli eventi storici vanno sempre ricordati.

Dove non c’è memoria non c’è futuro.

E’ stato possibile intitolare quel luogo, di fronte al Centro di Riabilitazione Cesarano, “PIAZZALE MARINAI D’ITALIA” grazie alla disponibilità dell’amministrazione comunale in carica, nella persona del Sindaco Paolo Campo presente alla cerimonia inaugurale con altre autorità civili, militari e di S.E. Mons. Domenico D’Ambrosio- Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-S.G.Rotondo, per il momento religioso.

Per rispetto della memoria storica va ricordato, in particolare, che per  l’assegnazione di quei locali al Gruppo ANMI intervenne l’Ammiraglio Vincenzo Milillo, (nativo di Molfetta),  su segnalazione del Delegato Regionale ANMI  Comm. Mauro De  Pinto, amico e compaesano dell’Ammiraglio, presso Marifari Taranto, per sollecitare la concessione demaniale di una parte del piano terra dei locali del Faro.

Erano, comunque,  locali fatiscenti, ma i Soci tutti,  con spirito di sacrificio e abnegazione hanno voluto partecipare alle varie opere necessarie alla realizzazione della nuova Sede, eseguendo opere murarie, elettriche, idrauliche e varie opere minori. Alcuni Soci donarono i necessari  arredi. Venne chiesto un contributo economico alla Presidenza Nazionale.  L’Ammiraglio Titta, a quel tempo Presidente Nazionale ANMI,  concesse un  prestito di 6.000 euro da restituire in tre rate annuali: cosa che l’Associazione onorò come convenuto.

Dopo la cerimonia sul Piazzale seguì  quella della Nuova Sede sul Porto-Molo di Levante. Madrina dell’evento la moglie del C/te Capitaneria di Porto, oggi Contrammiraglio Giuseppe Meli Direttore Marittimo della Puglia e Basilicata  Jonica.

Erano presenti, tra l’altro, i Vessilli di alcuni Gruppi ANMI della Puglia, delle locali Associazioni d’arma, nonché il Medagliere della Presidenza Nazionale, conservato nell’ufficio del Presidente Nazionale, che viene concesso solo in particolari ed importanti cerimonie.  Il Gruppo ANMI di Manfredonia riuscì ad avere anche questo onore, atteso  che il Medagliere rappresenta tutti i decorati al Valor Militare della Forza Armata.

Tanto nello spirito dei Marinai d’Italia con il motto “UNA VOLTA MARINAIO … MARINAIO PER SEMPRE”

Antonio Pesante

 

Redazione M.
Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO